All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Craig Taborn: Avenging Angel

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Craig Taborn: Avenging Angel
Un piano solo rappresenta sempre e comunque una prova per un pianista. Se poi di mezzo ci sono l'ECM e Manfred Eicher, dalla prova si passa alla sfida. Perché non stiamo parlando di un'etichetta qualsiasi, e nemmeno di un produttore qualsiasi. Qui c'è in ballo il confronto con un'estetica perfettamente definita e ingombrante, con un suono, una riconoscibilità, con una storia che pesa e può anche stritolare. Il rischio, paradossalmente, è quello di fare un disco "ECM," al di là della propria poetica e al di là delle proprie intenzioni.

Come se ne esce? Semplice, restando fedeli alla propria musa e ancorati alle proprie convinzioni. E se ti chiami Craig Taborn, sia la prima che le seconde hanno spalle larghe a sufficienza per sostenere il peso schiacciante di quelle tre lettere, e per trasformare la sfida in una preziosa occasione.

L'occasione di avere alle spalle un'etichetta "vera" e uno dei pochi produttori che abitano il pianeta jazz; l'occasione di potersi rinchiudere per qualche giorno in un tempio immacolato come l'Auditorio della Radiotelevisione svizzera di Lugano; l'occasione di lavorare con un tecnico del suono di prima fascia come Stefano Amerio. L'occasione, insomma, di incidere un disco, un autentico privilegio per un improvvisatore giovane e per di più non allineato.

Il risultato della somma di occasioni è Avenging Angel, 72 minuti di purissime visioni che raccontano di un approccio al piano solo che non ha eguali nel panorama del jazz contemporaneo. Il disco è permeato da una sorta di allucinato camerismo, come un fuoco freddo che sostiene il fluire delle note. Il tocco è alieno e distaccato. Vien da pensare a Feldman e Cage, Ligeti e Berio. Incastri, reiterazioni, scarti discreti e un profondo senso della spazialità, una visione quasi scultorea delle strutture e delle architetture. La materia prima? Non il marmo o l'alabastro, ma il vetro, il cristallo e il silenzio. Già, i vuoti pesano e "suonano" tanto quanto i pieni. E questo grazie anche al lavoro di Stefano Amerio, che riesce nel piccolo grande miracolo di mettere l'immancabile (e famigerato) riverbero ECM al servizio della musica.

L'attacco è più di un biglietto da visita: "The Broad Day King" è un distillato di nuvole, sei minuti e passa di arpeggi sognanti e stralunato romanticismo, tra Eric Satie e Paul Bley. Più seriosa e cervellotica la successiva "Glossolalia," mentre con "Diamond Turning Dream" l'atmosfera si fa rarefatta: il gioco è al risparmio, all'allusione, con un finale feldmaniano raggelante. Spunta Bach, invece, in "Neverland," brano giocato su una serie di smaglianti contrappunti; "Avenging Angel" non starebbe male in un Filmworks di John Zorn. Si vira in direzione Monk con "Gift Horse/Over the Water," soprattutto per l'uso micidiale della mano sinistra, per poi chiudere con "This Is How You Disappear" nel segno di una straziante dolcezza.

Prova superata. Sfida vinta. E mai occasione fu meglio sfruttata.

Track Listing

1. The Broad Day King - 6:16; 2. Glossolalia - 2:45; 3. Diamond Turning Dream - 4:17; 4. Avenging Angel - 6:56; 5. This Voice Says So - 9:44; 6. Neverland - 4:29; 7. True Life Near - 4:30; 8. Gift Horse/Over the Water - 7:37; 9. A Difficult Thing Said Simply - 4:36; 10. Spirit Hard Knock - 4:37; 11. Neither-Nor - 3:19; 12. Forgetful - 7:58; 13. This Is How You Disappear - 5:03. Tutte le composizioni sono di Craig Taborn.

Personnel

Craig Taborn (pianoforte).

Album information

Title: Avenging Angel | Year Released: 2012 | Record Label: JazzMa Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Marbles
Marbles
Falkner Evans
Read Onward & Upward
Onward & Upward
Ralph Peterson & the Messenger Legacy
Read Cry Babies
Cry Babies
Cry Babies
Read ALQE
ALQE
Antti Lotjonen Quintet East
Read Apura!
Apura!
Karl Evangelista

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.