0

Bob Downes Open Music: 5 Trios

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Forse pochi ricordano Bob Downes, il virtuoso del flauto, polistrumentista e compositore. Fece parlare di sè nella prima metà degli anni Settanta per le sue pirotecniche incursioni, sotto il nome di Bob Downes Open Music, nei generi più disparati, incrociando le sue ance con la musica d'avanguardia e l'elettronica, anticipando movimenti che negli anni successivi si sarebbero rivelati di tendenza e commercialmente lucrosi quali l'ambient, la musica meditativa o il folk jazz d'ispirazione orientale.

Qualcuno lo ha definito la risposta europea a Rahsaan Roland Kirk, ma Downes è sempre sfuggito a ogni classificazione. Basti pensare che, agli inizi carriera, la sua fonte d'ispirazione fu la mezzosoprano Cathy Berberian: una lezione di completa libertà artistica che l'inglese ha applicato prima alla voce e solo in un secondo tempo al flauto, componendo e arrangiando musiche per spettacoli di danza contemporanea. Un'arte ben rappresentata da Diversions, uscito nel 1972 per l'Openian (una delle prime etichette Indipendenti e autogestite del British Jazz), e che l'artista ha cercato, tra alti e bassi, di preservare fino ai giorni nostri con un'onestà e una coerenza intellettuale che ha pochi confronti. Lo dimostra anche questo nuovo disco, che segue a poca distanza Flashback (Openian 2009) e Crossing Borders (Reel Recordings, 2009), e che, come questi ultimi, raccoglie tracce d'archivio.

In tutto 12 composizioni che spaziano dal 1970 al 1979 con Downes affiancato dal fido Denis Smith ai tamburi (in pratica l'unico membro stabile della Bob Downes Open Music) e accompagnato al basso alternativamente da una squadra di musicisti di scuola inglese: Jeff Clyne, Barry Guy, Neville Whitehead, Marc Meggido e Paul Bridge. Complessivamente cinque "power trio," la formazione preferita da Downes che si è sempre circondato di bassisti di prim'ordine, artefici di una musicalità vibrante ed esplosiva che spesso sconfina nel free e che sembra provenire da misteriosi e arcaici giacimenti di note.

Diciamo subito che pur trattandosi di registrazioni "storiche" non si tratta di una mera operazione di archeologia musicale. Anzi. Basta ascoltare l'inedita "Moonstruck," tratta da una session del 1971 con Barry Guy, che qui alterna arco e pizzicato: una febbrile danza aliena con Downes al flauto alto impegnato a ricamare scale orientali e una sezione ritmica sempre sull'orlo del caos.

È Il caso ad esempio anche di "Spooks," emersa da una registrazione del 1970, introdotta da una marcetta apparentemente innocente (qui Downes è al sax tenore) che si sviluppa in una furiosa jam dalle reminescenze sheepiane per terminare in un'apparente quiete misteriosamente agitata da "diversioni" da brivido tracciate dall'arco di Clyne. Meritano un cenno anche le due tracce dal set con Meggido risalenti al 1978: la sulfurea "Lonely Street Blues," l'unica traccia cantata della raccolta sostenuta dal groove circolare di un basso straordinariamente morbido e sinuoso, e l'ancestrale "Maya,"' composizione che già appariva su Diversions, qui riarrangiata e resa più potente da una trance ritmica più serrata e da un Downes in versione sciamano impegnato a far uscire dal suo flauto sospiri, urla, grugniti e ogni tipo di vocalizzo.

Quello che alla fine dell'ascolto più sorprende è che nonostante siano trascorsi dalle prime registrazioni contenute nel CD oltre quarant'anni, tutto suona ancora incredibilmente fresco e contemporaneo.


Track Listing: 1. Living It Up in Rio (Downes) - 5:41; 2. Desert Waltz (Downes) - 4:43; 3. Circus (Downes) - 4:50; 4. Moonstruck (Downes) - 11:22; 5. Bamboo Blaze (Downes) - 4:18; 6. Spooks (Downes) - 7:40; 7. Mirage (Downes) - 5:24; 8. Ghosts In Space (Downes) - 7:06; 9. Ready Steady Blow (Downes) - 4:27; 10. Soul City (Downes) - 4:44; 11. Lonely Street Blues (Downes) - 5:16; 12. Maya (Downes) - 4:38.

Personnel: Bob Downes (flauto, flauto alto, Bamboo Flute, sax alto, sax tenore, sax soprano, voce), Paul Bridge, Barry Guy, Jeff Clyne, Neville Whitehead, Marc Maggido (contrabbasso), Denis Smith (batteria).

Title: 5 Trios | Year Released: 2011 | Record Label: Viktoria Tolstoy


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Provenance CD/LP/Track Review Provenance
by Karl Ackermann
Published: November 17, 2017
Read No Matter Where Noir CD/LP/Track Review No Matter Where Noir
by Patrick Burnette
Published: November 17, 2017
Read Out Of Silence CD/LP/Track Review Out Of Silence
by Mark Corroto
Published: November 17, 2017
Read Plodi CD/LP/Track Review Plodi
by Glenn Astarita
Published: November 17, 2017
Read Secret Language CD/LP/Track Review Secret Language
by Mike Jurkovic
Published: November 17, 2017
Read Shamat CD/LP/Track Review Shamat
by Ian Patterson
Published: November 16, 2017
Read "The Time Verses" CD/LP/Track Review The Time Verses
by Geannine Reid
Published: April 1, 2017
Read "Unfiltered Universe" CD/LP/Track Review Unfiltered Universe
by Roger Farbey
Published: September 29, 2017
Read "Noumenon" CD/LP/Track Review Noumenon
by Karl Ackermann
Published: November 23, 2016
Read "#knowingishalfthebattle" CD/LP/Track Review #knowingishalfthebattle
by Mark F. Turner
Published: January 23, 2017
Read "Kill Together" CD/LP/Track Review Kill Together
by Geno Thackara
Published: March 12, 2017
Read "Les Liaisons Dangereuses 1960" CD/LP/Track Review Les Liaisons Dangereuses 1960
by Mark Sullivan
Published: June 4, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.

Please support out sponsor