All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Rigmor Gustafsson: When You Make Me Smile

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Rigmor Gustafsson: When You Make Me Smile
Il primo aggettivo che viene in mente ascoltando il nuovo disco di Rigmor Gustafsson è "seducente."
Tredici brani, scritti quasi tutti dalla cantante svedese, che si sviluppano secondo i modelli del jazz vocale anni cinquanta/sessanta: un paio di blues, molte ballad, una bossa nova, qualche episodio soul, un classico del pop. In Italia è poco nota ed è un peccato perchè Rigmor Gustafsson è un'interprete di gran classe, dalla voce suadente e sensuale, che s'innesta del filone delle jazz singer bianche come Julie London e Rosemary Clooney o di pop ladies come Dionne Warwick o Carly Simon.

C'è una piacevole freschezza nel suo stile, una grazia giovanile che conquista anche se la Gustafsson non è più adolescente e questo è il suo nono CD dal 1997, quando debuttò con In the Light of Day. La sua carriera professionale era iniziata già da qualche tempo, all'eta di 27 anni. Nel 1993 andò a "farsi le ossa" a New York dove ha guidato un quintetto e collaborato con artisti del calibro di Fred Hersch, Randy Brecker e Reggie Workman.
Tornata in Svezia nel 1996 non ha smesso di collezionare riconoscimenti, diventando una figura di primo piano nel panorama musicale scandinavo. Dall'inizio del millennio ha iniziato a farsi conoscere anche nell'Europa continentale fino a vincere un Jazz award in Germania e firmare un lungo contratto con l'ACT.

When You Make Me Smile potrebbe essere definito un disco di pop-jazz ma le etichette sono fuorvianti perchè in quel "contenitore" troviamo molte cantanti insipide. In breve è Rigmor Gustafsson a fare la differenza (come cantante e autrice) e con lei i pregevoli arrangiamenti (scritti da Magnus Lindgren, Erik Arvinder e Calle Rasmusson) per la Dalasinfoniettan.

Uno dei dischi di vocal jazz più eleganti e gradevoli dello scorso anno.

Track Listing

Call Me Lonely; Forget About The Moonlight; A Different Kind; If Dreams Are Made Of Sand; When You Make Me Smile; I Get Along; Nobody Does It Better; Stay, Stay, Valentines Day; Finally, Falling In Love; Blind As A Bat; Woke Up On Sunday [In Saturday's Shoes]; Let It Go; Hymn.

Personnel

Rigmor Gustafsson: vocals; Jonas Östholm: piano; Max Schultz: guitar; Jesper Nordenström: organ; Martin Höper: bass; Jonas Holgersson: drums; Calle Rasmusson: percussion; Eagle-Eye Cherry: vocals (12); Magnus Lindgren: tenor saxophone, clarinet, flute (3, 5, 11); Patrik Skogh: trumpet, flugelhorn: 3, 5, 9, 10); Karin Hammar: trombone (3, 5, 9, 10); Anders Wiborg: bass trombone (5, 9, 10); Jonas Nydesjö: conductor; Dalasinfoniettan.

Album information

Title: When You Make Me Smile | Year Released: 2014 | Record Label: ACT Music

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.