All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Ben Wendel: Simple Song

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Vi è una tendenza che sta diventando sempre più marcata nella nuova generazione di musicisti dell'area cosiddetta creativa della musica improvvisata. Tendenza che porta ad affiancare alla produzione maggiormente innovativa e iconoclasta lavori più canonicamente jazzistici, vuoi dal punto di vista strettamente formale vuoi semplicemente come filosofia ispiratrice. Esempio eclatante è quello del sassofonista Jon Irabagon che dopo aver creato scompiglio con dischi come Outright!, I Don't Hear Nothin' But the Blues (oltre a quelli incisi come co-leader del gruppo Mostly Other People Do the Killing, tra i quali Shamokin!!! e This Is Our Moosic) licenzia successivamente The Observer, incisione rigorosamente mainstream.

Ed è il caso, meno clamoroso, del sassofonista Ben Wendel, cofondatore dei Kneebody, gruppo ad alto tasso adrenalinico, miscela esplosiva di acustico ed elettrico, di jazz, di rock e di avanguardia, che con Simple Song debutta come leader e approda a lidi meno tormentati e avventurosi. Ma sgombriamo subito il campo da equivoci perché Simple Song è un gran bel disco di jazz moderno che nasconde dietro un indubbia immediatezza d'ascolto una sintesi riuscita delle varie influenze che concorrono al respiro artistico di Wendel.

L'alternarsi di piano acustico e fender rhodes muove il flusso sonoro tra diversi livelli di percezione timbrica, l'uso dell'inconsueto fagotto aggiunge macchie dai contorni cameristici che a volte si intrecciano con complicate scansioni ritmiche creando un effetto contrasto di gran pregio, melodica e chitarra allontanano la musica dalle nevrosi metropolitane per approdare a nostalgici ma affettuosi flashback sul bel tempo che fu. Le composizioni di Wendel si muovono tra passato, presente e futuro con grande discrezione, competenza e passione, e insieme ad una versione asciutta, palpitante di "Lonnie's Lament" ed una trasognata "A Flower Is a Lovesome Thing" definiscono un album affascinante che cresce ascolto dopo ascolto.

Track Listing: 01. Breath; 02. Simple Song; 03. Not Yet; 04. Chorale; 05. No Thank You Mr. West; 06. Lonnie's Lament (Coltrane); 07. Maupin; 08. Ralph; 09. A Flower Is A Lovesome Thing (Strayhorn); 10. Trust Fall; 11. She Never Had. Tutte le composizioni sono di Ben Wendel tranne quelle indicate.

Personnel: Ben Wendel (sassofoni, fagotto, melodica); Darek "Oles" Oleszkiewicz (basso); Larry Koonse (chitarra); Nate Wood (batteria); Adam Benjamin (fender rhodes, piano) in 3,4,8,11; Taylor Eigsti (piano) in 1,2,7,10; Tigran Hamasyan (piano) in 5,6.

Title: Simple Song | Year Released: 2010 | Record Label: Sunnyside Records

About Ben Wendel
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara