All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Elsa Nilsson: Salt Wind

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Elsa Nilsson: Salt Wind
Svedese di Goteborg, enfant prodige (a cinque anni suonava il piano, a sei compose la prima canzone), trasferitasi per studio prima a Seattle e poi, nel 2010, a New York, Elsa Nilsson è una giovane musicista che suona tutto lo spettro dei flauti, compone le proprie musiche e canta con voce e interpretazione personali.

Questo Salt Wind la vede alla testa di un quartetto con chitarra, basso e batteria, assieme al quale interpreta brani da lei firmati, piuttosto semplici strutturalmente e caratterizzati da una spiccata melodicità, che l'artista cavalca ai flauti o, in due brani, alla voce. Le atmosfere sono anche abbastanza diverse, ma perlopiù accomunate dalla immediatezza dell'approccio ritmico, che oscilla tra uno swing di sapore mainstream (come per esempio in "Continuum") e un andamento di derivazione rock (palese in "Hedning," in filigrana in "Someone for Something").

Una tale semplicità non scade però nel semplicismo, grazie appunto alla diversità delle atmosfere: se brani come l'iniziale "Tiny Bridges, Homemade Island" suonano solari nel loro lirico camerismo, "Staffan Visan" —basata su un tradizionale svedese —ha un colore scuro e riflessivo, "Hedning" richiama il rock centroeuropeo (anche grazie alla particolare interpretazione vocale della Nilsson) e "Byssan Lull," cantata in svedese, suona come un pop nordico. Una varietà che viene tuttavia ottimamente amalgamata dalla cifra stilistica della formazione e che fa del disco un lavoro immediato e leggero, sì, ma anche molto singolare, tanto da sorprendere talora l'ascoltatore.

Anche strumentalmente la Nilsson suona in modo tradizionale, senza particolari artifici né tecnici, né improvvisativi, mostrando però una bella padronanza dei diversi flauti, che varia in funzione del colore da conferire ai diversi brani. Non diverso il ruolo ricoperto dai sui compagni, che si muovono tutti al servizio del gruppo, con limitati spazi di protagonismo (solo la chitarra di Jeff McLaughlin ha alcune occasioni di farsi apprezzare in assolo).

Track Listing

Tiny Bridges, Homemade Islands; Shift; Someone for Something; Inside Brooklyn Thunder; Hedning; Staffans Visan; Continuum; Byssan Lull; Lucia.

Personnel

Elsa Nilsson: flutes, vocals; Jeff McLaughlin: guitar; Alex Minier: acoustic and electric basses; Cody Rahn: drums and percussion.

Album information

Title: Salt Wind | Year Released: 2017 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

This Song Is New
Lorne Lofsky
Blue Lotus
The New Muse 4Tet
Garden Of Jewels
Ivo Perelman Trio
Virtual Birdland
Arturo O'Farrill

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.