All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Enten Eller: Minótauros

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Ripreso all'ultima edizione dell'Open Jazz Festival di Ivrea (per l'esattezza il 17 marzo, ovviamente 2018), questo Minótauros, titolo ancora una volta proveniente dalla mitologia greca, come spesso accade quando c'è di mezzo Massimo Barbiero (quindi anche per Odwalla), ci consegna i riflessi, per forza di cose parziali, di un concerto assai singolare in cui i quattro di Enten Eller suonano in una stanza del Museo Garda, mentre in altrettante stanze danzano, uno per ciascuna, Tommaso Serratore, Roberta Tirassa, Sara Peters e Giulia Ceolin, senza alcun tipo di collegamento visivo, e invece ciascuno/a relazionandosi a un unico strumentista.

Ovviamente tutto questo intersecarsi di "corrispondenze" non può esserci restituito dall'odierno CD, che va quindi valutato e raccontato per quanto ci offre sotto il profilo squisitamente sonoro, quindi musicale. Sopravvive peraltro una trama, specifica, che vede ciascuno strumento (nell'ordine chitarra, percussioni, tromba e contrabbasso) prodursi dapprima in un monologo (i quattro interludi), per poi esser raggiunto dagli altri tre in un pezzo compiuto (nel senso di predefinito, almeno nelle geometrie essenziali, laddove i quattro monologhi sono palesemente altrettante improvvisazioni cotte e servite sul momento).

Il lavoro globale si fonda parecchio—com'è ovvio e fisiologico che sia—sulla lunghissima consuetudine dei quattro musicisti a suonare assieme. Prevale una solidità strutturale che di rado si rompe—proprio come equilibrio—in favore di questo o quel singolo elemento, ciò fino all'epilogo per più versi liberatorio (anche per la bellezza, e cantabilità, di una linea melodica del resto prevedibilmente familiare a molti degli astanti) di "Per Emanuela," tema storico di Barbiero che si perpetua periodicamente nell'agire sia di Enten Eller che di Odwalla.

Il ritorno a casa dopo una nuova partenza. Che non sarà del resto l'ultima.

Track Listing: Interludio 1 (Teseo – Ragione); Teseo; Interludio 2 (Minotauro – Follia); Roby (Barbiero); Interludio 3 (Minosse – Potere); Funkytauros; Interludio 4 (Arianna – Sentimento); Arianna; Per Emanuela.

Personnel: Alberto Mandarini: trumpet, fliugelhrn, live sampling, effects; Maurizio Brunod: electric guitar, live sampling, effects; Giovanni Maier: double bass; Massimo Barbiero: drums, percussion.

Title: Minótauros | Year Released: 2018 | Record Label: Self Produced

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
General Articles
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Read more articles
Minótauros

Minótauros

Self Produced
2018

buy
Tiresia

Tiresia

Self Produced
2016

buy
Pietas

Pietas

Splasc(H) Records
2014

buy
 

Ecuba

C.M.C. Records
2010

buy
 

Atlantide

C.M.C. Records
2008

buy
 

Settimo Sigillo

C.M.C. Records
2006

buy

Related Articles

Read Burning Meditation Album Reviews
Burning Meditation
By John Sharpe
April 18, 2019
Read Remembering Cecil Album Reviews
Remembering Cecil
By Dan McClenaghan
April 18, 2019
Read Apophenia Album Reviews
Apophenia
By Roger Farbey
April 18, 2019
Read Transcending the Sum Album Reviews
Transcending the Sum
By Chris May
April 17, 2019
Read Punkt.Vrt.Plastik Album Reviews
Punkt.Vrt.Plastik
By John Sharpe
April 17, 2019
Read Glitter Wolf Album Reviews
Glitter Wolf
By Jennifer DeMeritt
April 17, 2019
Read American Love Call Album Reviews
American Love Call
By John Bricker
April 17, 2019