All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Louis Sclavis: La moitié du monde

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Disco doppio che raccoglie ben quaranta brani, provenienti da progetti realizzati da Sclavis per il teatro e il cinema. Un disco, quindi, se si vuole frammentario, lontano dai compatti e ambiziosi progetti a cui il clarinettista francese ci ha abituati. Eppure...

Eppure questo lavoro, nel quale - per esplicita affermazione di Sclavis - si privilegia la melodia, ha nella sua diversità un enorme fascino. Perché, una dietro l’altra, sfilano splendide composizioni: quasi tutte brevi, è vero, ma dai temi sempre azzeccati, dagli arrangiamenti spesso complessi, e con musicisti - Sclavis in testa, e poi tanti dei suoi storici collaboratori - costantemente impegnati in interpretazioni ardite.

Si provi, a mo’ d’esempio, ad ascoltare le tracce 5-7, “Apres lui”, “Vivre me tue” e “Sables”, con quest’ultima che include una delle caratteristiche ed espressivissime galoppate di Sclavis al sax soprano: non si potrà trattenere la meraviglia!

Ma a indicare tracce si fanno ingiuste parzialità, perché quasi ciascuna delle quaranta ha il suo fascino, tanto che il difetto maggiore del disco è forse proprio la difficoltà di scegliere una tra le tante, per farsi lasciare un segno nella memoria.

Un disco “caldo”, ricco di umori e sfumature, dedicato a tutti quelli che ritengono Sclavis troppo astratto e cerebrale.

Track Listing: CD 1 1. La vie des autres - 3:23; 2. La vie des autres valse - 1:42; 3. Dia dia part 1 - 2:22; 4. Dia dia part 2 - 1:46; 5. Apre lui - 3:45; 6. Vivre me tue - 1:48; 7. Sables - 3:40; 8. Grand comme le monde quatuor - 2:28; 9. Grand comme le monde - 2:23; 10. La mairie - 1:57; 11. Java de pres - 2:12; 12. Sur la paille - 2:48; 13. Télémarche - 1:57; 14. Rag for Bill (D. Pifarély) - 1:59; 15. L’usine (M. Collignon) - 1:57; 16. Horizon - 2:24; 17. Adio mamma - 3:25; 18. Ligne de fuite (Sclavis/Collignon/Poulsen) - 3:21; 19. Les heures lentes - 1:36; 20 La valse du parc - 2:37; 21 Cité city citta program - 2:08. CD 2 1. La mobylette bleue - 2:48; 2. Hymne bulgare (T. Radoslavov) - 0:42; 3. Pour Sarkis - 1:07; 4. Plus beau que jamais - 2:02; 5. Givre (V. Courtois) - 0:58; 6. La vie ouverte (Sclavis/Raulin) - 2:24; 7. Marche d’electre - 3:10; 8. Le deuil sied a electre - 3:10; 9. Les colonnes blanches - 2:32; 10. Nandri - 2:23; 11. De Lorient a Pondichery - 2:05; 12. Zitto - 2:29; 13. Zitto marche - 1:46; 14. Pueblo lejano - 1:59; 15. Automne - 0:44; 16. Automne valse - 3:16; 17. Le reve de jean - 3:58; 18. Le monstre dans la foret - 3:03; 19. Cité, city, citta program - 2:11

Personnel: Louis Sclavis (clarinetti, sassofoni), Paul Brousseau (piano, chitarra), Jean Luc Cappozzo (tromba), Jean Paul Celea (contrabbasso), David Chevallier (chitarra), Mederic Collignon (tromba, cornette de poche, voce, percussioni), Vincent Courtois (violoncello), Francois Couturier (pianoforte), Eric Echampard (batteria), Jean Louis Martinier (fisarmonica), Fanny Paccoud (violino), Vincent Perrani (fisarmonica), Dominique Pifarély (violino), Fasse Poulsen (chitarra), Francois Raulin (pianoforte), Yves Robert (trombone), Dominique Serve (pianoforte), Francois Thuillier (tuba), Aude Vanackere (violoncello), orchestra d’archi

Title: La moitié du monde | Year Released: 2008 | Record Label: Bright

About Louis Sclavis
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read First Spring
First Spring
By Dan McClenaghan
Read Beyond Us
Beyond Us
By John Sharpe
Read Patchwork
Patchwork
By John Kelman