All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Petros Klampanis: Irrationalities

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Petros Klampanis: Irrationalities
Giunto al quarto album, il bassista greco attivo tra Atene e New York, cambia organico confermando la personale cifra espressiva nel nuovo contesto.
Fattosi apprezzare per le composizioni melodicamente suggestive, in sofisticate orchestrazioni con archi, Petros Klampanis presenta un trio tutto europeo, con il batterista polacco Bodek Janke e il pianista estone Kristjan Randalu. I due nuovi partner si conoscono dall'adolescenza (entrambi emigrati con le famiglie in Germania) ed hanno già inciso un disco in duo (Grupa Janke Randalu: Live, 2008). Il pianista ha debuttato con l'Ecm nel 2018 con l'album Absence.
La personale direzione espressiva di Klampanis si conferma nella ricercatezza delle composizioni, caratterizzate da metri insoliti e fantasiose relazioni con il folklore greco e balcanico. Le molte suggestioni dei suoi arrangiamenti per medi organici si rinnovano così nella piccola formazione. «L'arrangiamento è una parte enorme del mio lavoro—ha detto il bassista -e credo sia la peculiarità di questo trio: c'è molto studio sulla scelta di registri, orchestrazione e ritmo. Parecchie scelte e approfondimenti non solo sulle principali melodie ma anche sulle parti improvvisate. Esploro le cose che ho sviluppato con gli archi, incorporandole in questo nuovo veicolo».

La particolare tensione ritmica che caratterizza il disco è evidente da "Easy Come Easy," il brano d'apertura che si sviluppa in una danzante percorso di accelerazioni e sospensioni. Ancor più elaborato è "Seeing You Behind My Eyes," il tema successivo che assimila la metrica in 7/8 della danza greca Kalamatianós. Altra incursione nel folklore è il trattamento di "Blame It On My Youth," uno dei due brani non originali del percorso. La famosa ballad di Heyman-Levant viene reinterpretata applicando il ritmo in 11/8 della danza bulgara kopanitsa, immettendo nel suo mood impressionista nuove suggestioni; grazie anche al lungo e prezioso assolo del bassista è uno dei gioielli del disco.
La presenza di un pianista di riflessiva profondità come Randalu e le sottili concitazioni ritmiche di Janke sono elementi determinanti alla riuscita dell'album che termina con una danzante ghost track e lo sciabordio delle onde che s'infrangono in qualche spiaggia greca.

Track Listing

Easy Come Easy Go; Seeing You Behind My Eyes; Temporary Secret III; Irrationality; Thalassa Platia; Temporary Secret II; No Becomes Yes; Blame it On My Youth.

Personnel

Petros Klampanis: bass, acoustic.

Additional Instrumentation

Kristjan Randalu: piano; Petros Klampanis: upright bass, voice, glockenspiel; Bodek Janke: drums, percussion.

Album information

Title: Irrationalities | Year Released: 2019 | Record Label: Enja Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Anthropic Neglect
José Lencastre / Jorge Nuno / Felipe Zenícola /...
A Conversation
Tim Hagans-NDR Big Band
Die Unwucht
Christopher Kunz & Florian Fischer
In Space
The Luvmenauts

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.