All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Atomic School Days: Distil

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Atomic School Days: Distil
Registrati al Green Mill di Chicago nell'aprile del 2006, i due dischi che compongono Distil uniscono nuovamente le forze di due band che condividono la medesima sezione ritmica, gli scandinavi Atomic e gli School Days. In entrambe le formazioni infatti è il formidabile team composto da Ingebrigt Haker Flaten al contrabbasso e da Paal Nilssen-Love alla batteria a costruire e sospingere ogni genere di scansione, dallo swing più rovente al funk più trasversale, per non dire di quando c'è la libertà di giocare con la pulsazione.

Gli Atomic School Days si ritrovano così nuovamente [il primo lavoro era Nuclear Assembly Hall] con una pattuglia di tutto rispetto, formata da Magnus Broo alla tromba, Jeb Bishop al trombone, Fredrik Ljungkvist e Ken Vandermark a spartirsi sassofoni e clarinetti, Kjell Nordeson al vibrafono e Havard Wiik al pianoforte.

Ascoltando questa band - ma anche gli Atomic, ovviamente, al cui linguaggio qui si aggiunge la straordinaria sapienza espressiva di Bishop e Vandermark - mi chiedo spesso come mai non sia più conosciuta e amata anche dagli ascoltatori meno avventurosi: colpa forse di una comunicazione troppo spesso manichea nel dividere gusti e mercato, ma tant'è e la freschezza di sintesi che la band opera nei confronti delle tante possibilità linguistiche del jazz degli ultimi quarant'anni suona assai più fresca e convincente di tanti progetti che mirano a simili pretese, ma che partono da una concezione troppo tradizionalistica e riverente degli impianti formali.

È proprio la capacità di giocare con le forme quello che colpisce delle nove lunghe tracce contenute nei due dischi, ottima occasione per apprezzare i differenti approcci alla "scrittura" dei vari musicisti coinvolti: nel primo disco troviamo infatti, accanto a due scoppiettanti brani di Bishop, altrettanti temi, uno del contrabbassista e uno del batterista, mentre nel secondo disco sono a turno gli altri membri dell'ottetto a firmare le composizioni.

Si ha così un affresco davvero ampio di riff, attenzioni timbriche, lunghe sortite soliste [fantastici su tutti Broo e Bishop, ma anche gli altri ovviamente] e una continua spinta ritmica che fa venire la voglia di ammirarli dal vivo al più presto.

Quando la tradizione danza!

Track Listing

CD 1: 01. Deadline; 02. Irrational Ceremony; 03. Visitors; 04. Dark Easter. CD 2: 01. Andersonville; 02. Fort Funston; 03. Closing Stages; 04. Closing Stages; 05. Bunuel at the Cocktail Party.

Personnel

Jeb Bishop (trombone); Mangus Broo (tromba); Ingebright Haker Flaten (contrabbasso); Fredrik Ljungkvist (sax tenore, clarinetto); Paal Nilssen-Love (batteria); Kjell Nordeson (vibrafono); Ken Vandermark (sax baritone e clarinetto basso); Hävard Wiik (pianoforte).

Album information

Title: Distil | Year Released: 2009 | Record Label: Okka Disk

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Prickly Pear Cactus
Prickly Pear Cactus
Ikue Mori / Satoko Fujii / Natsuki Tamura
Read Time OutTakes
Time OutTakes
Dave Brubeck Quartet
Read In Baltimore
In Baltimore
The George Coleman Quintet

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.