All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Barry Guy, Marilyn Crispell, Paul Lytton: Deep Memory

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Quarto CD di questo trio di storici improvvisatori, che come gli altri esce per l'etichetta Intakt. Qui la musica, tutta di Barry Guy, prende spunto da una mostra di quadri del pittore Hughie O'Donoghue, tanto che ogni brano è relativo a una delle sue opere, riportate (anche se con immagini troppo piccole per poterle apprezzare appieno) nel libretto che accompagna il disco.

A prescindere dall'interpretazione delle immagini, la musica che vi si ascolta è molto bella, in un senso anche tradizionale del termine. Cosa che non sempre si può dire dei lavori di questi musicisti, dai quali ci si aspetta di solito musica stimolante, creativa, non convenzionale, fatta di interazioni e invenzioni, suoni espressivi ma liberi, tutte cose che sono presenti anche qui -si ascoltino, esemplarmente, la concitazione alla tastiera di Marilyn Crispell e gli interventi percussivi di Paul Lytton in "Return of Ulysses" -ma non da sole.

È infatti qui dominante un afflato lirico, in alcuni momenti quasi romantico, che si unisce con le forme e le invenzioni espressive della contemporanea. E che con esse si fonde magnificamente, completandole e lasciandosi completare.

Ne è emblematico esempio la traccia d'apertura, "Scent," nella quale a dominare è il lirismo, ma ove la narrazione a lungo condotta dalla profonda cavata di Guy al contrabbasso si nutre anche di artifici espressivi meno tradizionali, i quali producono piccoli straniamenti che esaltano le altre parti. Dopo un lungo episodio (oltre dieci minuti) quasi esclusivamente lirico, dominato dal pianoforte, incontriamo "Sleeper," che si avvia con una calma linea narrativa per diventare poi sempre più tormentato: i tre strumenti interagiscono liberamente, con un potente lavoro percussivo di Lytton, ora assecondato e ora rallentato dalla Crispell, che passa da interventi tambureggianti ad ampie fasi di rarefazione. Non viene tuttavia mai meno l'intento descrittivo, peraltro dovuto, vista l'ispirazione data dalle immagini.

Dopo un nuovo episodio principalmente lirico, nel quale solo la batteria apporta elementi atipici, "Return of Ulysses" è invece un brano di avanguardia jazzistica, con la Crispell impegnata su interventi percussivi a là Cecil Taylor, sostenuta adeguatamente dai due partner. L'effetto dinamico, comunque, mantiene la comunicazione di una chiara drammaturgia, così come nella successiva "Silenced Music," invece giocata su eco, riverberi, rumori, che producono un forte effetto evocativo, interrotti solo da un'accellerata caduta di suoni dalla tastiera.

Il disco si chiude con un'altra traccia emblematica, di impianto più classicamente proprio dei piano trio del jazz contemporaneo, nel quale però i molti stilemi e le diverse forme espressive -percussioni e cluster della tastiera, rumori e distorsioni del contrabbasso e della batteria -si fondono e, assieme a una vivacissima gestione della dinamica, completano un lavoro di notevole spessore artistico unito a una sempre grande fruibilità d'ascolto.

Track Listing: Scent; Fallen Angel; Sleeper; Blue Horizon; Return of Ulysses; Silenced Music; Dark Days.

Personnel: Barry Guy: contrabbasso; Marilyn Crispell: pianoforte; Paul Lytton: percussioni.

Title: Deep Memory | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Point Blank CD/LP/Track Review
Point Blank
by Chris May
Published: August 20, 2018
Read Tell Me The Truth CD/LP/Track Review
Tell Me The Truth
by C. Michael Bailey
Published: August 20, 2018
Read No One Is Alone CD/LP/Track Review
No One Is Alone
by Chris Mosey
Published: August 20, 2018
Read The Literature CD/LP/Track Review
The Literature
by Jerome Wilson
Published: August 20, 2018
Read Between the Silence CD/LP/Track Review
Between the Silence
by John Kelman
Published: August 19, 2018
Read Flying CD/LP/Track Review
Flying
by Troy Dostert
Published: August 19, 2018
Read "Unleashed" CD/LP/Track Review Unleashed
by John Sharpe
Published: January 20, 2018
Read "Life On Earth" CD/LP/Track Review Life On Earth
by Dan Bilawsky
Published: May 18, 2018
Read "Together Apart" CD/LP/Track Review Together Apart
by Roger Farbey
Published: October 24, 2017
Read "Both Directions at Once: The Lost Album" CD/LP/Track Review Both Directions at Once: The Lost Album
by Mike Jurkovic
Published: June 29, 2018
Read "Formidable" CD/LP/Track Review Formidable
by Victor L. Schermer
Published: November 24, 2017
Read "Mal Sirine" CD/LP/Track Review Mal Sirine
by Roger Farbey
Published: September 16, 2017