All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

0

David Amram Quintet al Teatro Manzoni di Milano

Claudio Bonomi By

Sign in to view read count
Aperitivo in Concerto,
Teatro Manzoni -Milano
28.02.2016

86 anni e non sentirli.

È David Amram, leggenda vivente della musica americana contemporanea, che con il suo quintetto ha intrattenuto e deliziato per circa due ore un Teatro Manzoni stracolmo di appassionati che non volevano perdersi la prima e unica data italiana di questo compositore e performer geniale.

Amram si è presentato in grande forma accompagnato per l'occasione da Jerry Dodgion al sassofono contralto, classe 1932 e musicista mitico e leggendario quanto il leader, Rene Hart al contrabbasso, Kevin Twigg alla batteria e il figlio Adam Amram alle congas.

Sempre in bilico tra accademia e improvvisazione, combinati a uno spregiudicato senso di sperimentazione per qualsivoglia genere musicale, Amram ha dato una straordinaria prova di cosa significhi veramente fare musica, alternandosi tra pianoforte, corno francese, percussioni e flauti di ogni tipo. E parliamo di un personaggio che, come ha ricordato il curatore della rassegna Aperitivo in Concerto, Gianni Morelenbaum Gualberto, ha letteralmente inventato insieme a Leonard Bernstein la musica americana moderna.

La band è partita con uno standard, ovviamente rivisitato, come "Take the A Train" di Billy Strayhorn per poi concentrarsi su composizioni firmate dal leader. E qui Amram ha dato sfogo al suo eclettismo deliziando il pubblico con brani storici che sono stati temi di film o di spettacoli teatrali. Da "Splendor in the Grass," film diretto da Elia Kazan (esecuzione che Amram ha voluto dedicare a Gerry e Franca Mulligan), a "Waltz" dalla colonna sonora della commedia "After the Fall" di Arthur Miller o al tema di "The Manchurian Candidate," opera del regista John Michael Frankenheimer con Frank Sinatra come protagonista. Temi suonati con perizia e lucidità e con Amram sempre attentissimo nel guidare i solisti verso assoli misurati e mai strabordanti.

Tra gli highlights del programma l'esotica "Musikfest Montuno," manifesto dell'amore di Amram per i ritmi afrocubani e il latin jazz. Una vera e propria passione maturata ai tempi in cui suonava con Dizzy Gillespie e Paquito D'Rivera. Memorabili il suo assolo con il flauto a fischietto e l'accompagnamento ritmico con la campana mambo.

Amram mancava da Milano da ben 62 anni, aspettarlo ne è valsa proprio la pena.

Foto
Roberto Cifarelli.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Athens Aqua Jazz Festival 2018 Live Reviews
Athens Aqua Jazz Festival 2018
by Francesco Martinelli
Published: July 14, 2018
Read Hot Sugar at Jazz Cafe Montparnasse Live Reviews
Hot Sugar at Jazz Cafe Montparnasse
by Martin McFie
Published: July 14, 2018
Read Festival International De Jazz De Montréal 2018: Part 2 Live Reviews
Festival International De Jazz De Montréal 2018:...
by Mark Sullivan
Published: July 13, 2018
Read Django Festival in Fontainbleu Live Reviews
Django Festival in Fontainbleu
by Martin McFie
Published: July 13, 2018
Read Istanbul Jazz Festival 2018 Live Reviews
Istanbul Jazz Festival 2018
by Luke Seabright
Published: July 12, 2018
Read Summer Jazz and Fringe Jazz Fest in Copenhagen Live Reviews
Summer Jazz and Fringe Jazz Fest in Copenhagen
by Jakob Baekgaard
Published: July 12, 2018
Read ""A Love Supreme" with Ravi Coltrane" Live Reviews "A Love Supreme" with Ravi Coltrane
by Harry S. Pariser
Published: October 6, 2017
Read "Tallinn Music Week 2018" Live Reviews Tallinn Music Week 2018
by Henning Bolte
Published: April 19, 2018
Read "Punkt Festival 2017" Live Reviews Punkt Festival 2017
by Henning Bolte
Published: September 17, 2017