0

Daniel Zamir Quartet al Teatro Manzoni di Milano

Daniel Zamir Quartet al Teatro Manzoni di Milano
Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Daniel Zamir Quartet
Aperitivo in Concerto
Milano
Teatro Manzoni
05.03.2017

Per il concerto conclusivo di questa stagione 2016-2017, la rassegna Aperitivo in Concerto ha presentato il quartetto del sassofonista israeliano Daniel Zamir, con Nitai Hershkovitz al pianoforte, Gilad Abro al contrabbasso, Amir Bresler alla batteria.

Come molti suoi connazionali, anche Zamir è abituale frequentatore della scena newyorkese e di quel formidabile catalizzatore di musica, organizzatore di suoni, scopritore di talenti che risponde al nome di John Zorn. La sua musica, permeata di un forte afflato spirituale e religioso (Amen o I Believe sono alcuni tra i titoli degli album a suo nome) e di profonde radici nella tradizione israeliana, si presenta quindi anche ricca di rimandi alla storia del jazz ed a quei profumi avant che da sempre caratterizzano l'estetica zorniana.

Nel corso del concerto hanno trovato ampio spazio tempi dispari e figure ritmiche complesse, su cui si innestavano temi rotondi, orecchiabili e cantabili (il nostro si è cimentato in più occasioni con la voce), dal deciso sapore mediorientale. Brani dalla struttura sempre interessante, sviluppati in modo festoso e travolgente, sia pure non sempre ben calibrati ed anzi spesso risolti in un profluvio di note fin troppo incline alla spettacolarizzazione. Non a caso, gli interventi solistici che abbiamo maggiormente apprezzato sono stati quelli di Nitai Herskovitz, senza dubbio l'elemento più misurato, riflessivo ed elegante del quartetto.

Detto del concerto, segnaliamo che sul futuro della rassegna incombono nubi minacciose. Ne ha parlato apertamente, in maniera molto franca e diretta, ironica e colta ("la volontà c'è, l'ottimismo un po' meno"), il direttore artistico Gianni Gualberto.

Nel nostro piccolo, ci auguriamo che l'esperienza prosegua. Una rassegna che riesce a riempire regolarmente un teatro da ottocento posti, proponendo musica interessante ed inconsueta ad un orario altrettanto inconsueto (le undici del mattino), rappresenta una meravigliosa "storia di successo" che andrebbe studiata e replicata in ogni città.

Foto: Roberto Cifarelli

Related Video

Shop

More Articles

Read Cheltenham Jazz Festival 2017 Live Reviews Cheltenham Jazz Festival 2017
by Nick Davies
Published: May 13, 2017
Read Omar Sosa At SFJAZZ Live Reviews Omar Sosa At SFJAZZ
by Walter Atkins
Published: May 13, 2017
Read Wadada Leo Smith At Firehouse 12 Live Reviews Wadada Leo Smith At Firehouse 12
by Franz A. Matzner
Published: May 11, 2017
Read Jazzahead! 2017 Live Reviews Jazzahead! 2017
by Henning Bolte
Published: May 11, 2017
Read Adrian Belew Power Trio at Ardmore Music Hall Live Reviews Adrian Belew Power Trio at Ardmore Music Hall
by Geno Thackara
Published: May 10, 2017
Read Bray Jazz Festival 2017 Live Reviews Bray Jazz Festival 2017
by Ian Patterson
Published: May 9, 2017
Read "Hyde Park Jazz Festival 2016" Live Reviews Hyde Park Jazz Festival 2016
by Mark Corroto
Published: October 4, 2016
Read "T.S. Monk Sextet at Revolution Hall" Live Reviews T.S. Monk Sextet at Revolution Hall
by Tom Borden and Eric Gibbons
Published: March 10, 2017
Read "Amethyst at McHughs, Belfast" Live Reviews Amethyst at McHughs, Belfast
by Ian Patterson
Published: August 16, 2016
Read "ECM Showcase at NYC Winter Jazzfest 2017" Live Reviews ECM Showcase at NYC Winter Jazzfest 2017
by Tyran Grillo
Published: January 22, 2017
Read "Hot Autumn Nights featuring Peter Noone's Herman's Hermits, the Grass Roots, the Box Tops and Gary Lewis & The Playboys at the NYCB Theatre at Westbury" Live Reviews Hot Autumn Nights featuring Peter Noone's...
by Mike Perciaccante
Published: September 30, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Why wait?

Support All About Jazz and we'll deliver exclusive content, hide ads, and provide read access to our future articles.