All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Don Cherry: Copenhagen 1963 & Hilversum 1966

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Diciamo subito che quanto contenuto in questo CD risulta interamente inedito: per metà si rifà a un'esibizione dei New York Contemporary Five alla Radiohusets Koncertstal di Copenhagen il 27 ottobre 1963, per l'altra metà recupera un live di due anni e mezzo dopo (9 maggio '66) in quel di Hilversum (Paesi Bassi), protagonista il quintetto cherryano.

Già questi pochi dati ci fanno capire (malgrado una presa di suono magari non immacolata) l'importanza di quest'ora di musica. Al tempo delle registrazioni in questione, il NYCF aveva appena inciso (23 agosto e 12 ottobre) il materiale per Consequences, primo atto di una discografia fin troppo sparuta, così come ancor più misero è quanto disponibile del quintetto di Cherry con Gato Barbieri e soci, limitandosi ai soli live al Café Montmartre di Copenhagen (marzo '66), se non vogliamo annetterci anche la coeva Symphony for Improvisers, il cui organico (settetto) ingloba peraltro i soli Gato e Karl Berger.

Passando alla musica in quanto tale, soffermiamoci anzitutto sull'aspetto tematico. Il trittico di brani del '63 alterna la firma di Cherry con quelle di Ornette e Monk; solo che il colemaniano "Emotions" ha uno sviluppo pieno, con ottimi assoli del trombettista e di Shepp (viscerale e grumoso come suo costume), laddove "Monk's Mood" (neanche tre minuti) è di fatto una pura esposizione del tema. La spiccata impronta ornettiana è del resto palpabile anche nel cherryano "Consequences," che oltrepassa il quarto d'ora e in cui si segnala un nuovo intervento della famigerata pocket-trumpet, su un fondale particolarmente mobile (specie grazie al contrabbasso). Belle le dinamiche, ravvivate di continuo, con accensioni e distensioni in sequenza.

Una qualità d'incisione più opaca ci accoglie subito nel primo dei due brani olandesi del '66, "Exodus," ancora di Cherry, prima che le polveri si accendano in tutta la loro vivezza nella lunga suite che completa la seduta, giustapponendo un tema nuovamente del trombettista (preponderante, per durata) con altri due, entrambi di Mongo Santamaria, il primo dei quali, "Afro Blue," fortemente legato all'iconografia coltraniana. Ovunque è un bell'intersecarsi, al guado di continui voltapagina, tra due diversi lirismi quali quello più naïf di Cherry, in cui gioco e dramma si mischiano inscindibilmente, e quello più rapsodico, voluminoso di Gato, che lirico era già a piene mani, a dispetto di quanto sostenuto da alcuni, forse troppo univocamente sintonizzati sulle lunghezze d'onda di In Search of the Mistery (marzo '67).

Certo, l'uomo di Rosario non risparmia ispidità al calor bianco (rimanendo peraltro sempre assai lontano dai ruvidi, grumosi turgori sheppiani, e qui sta in fondo il maggior punto di distacco dai brani danesi), mentre Cherry è sempre lì, con la sua dinoccolata, sofferta olimpicità (non suoni come un contrasto in termini), con un basilare ruolo equilibratore giocato da Karl Berger, sapientemente diviso tra piano e vibrafono, entro un germinare di strutture aperte quanto palpabili, di fatto empatiche, sciorinate in tempo reale.

Che il disco sia largamente consigliabile, a questo punto l'avranno capito anche i sassi.

Track Listing: 01. Emotions; 02. Monk's Mood; 03. Consequences; 04. Exodus; 05. Suite (For the Children / Afro Blue / I Remember Clifford).

Personnel: Don Cherry (tromba) con: John Tchicai (sax alto), Archie Shepp (sax tenore), Don Moore (contrabbasso), J. C. Moses (batteria) nei brani 01/03; Gato Barbieri (sax tenore), Karl Berger (vibrafono, piano), Bo Stief (contrabbasso), Aldo Romano (batteria) nei brani 05/06.

Title: Copenhagen 1963 & Hilversum 1966 | Year Released: 2011

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read LE10 18-05 Album Reviews
LE10 18-05
By Karl Ackermann
May 20, 2019
Read Remembering Miles Album Reviews
Remembering Miles
By Dan McClenaghan
May 20, 2019
Read Merry Peers Album Reviews
Merry Peers
By Bruce Lindsay
May 20, 2019
Read Music! Music! Music! Album Reviews
Music! Music! Music!
By Doug Collette
May 20, 2019
Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019