All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Sylvain Rifflet: Troubadours

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Sylvain Rifflet: Troubadours
In questo decennio il sassofonista Sylvain Rifflet s'è imposto tra gli emergenti più eclettici del jazz francese con dischi molto apprezzati, come l'audace Mechanics (Jazz Village 2015) e l'orchestrale Refocus (Verve 2017). In quest'ultimo ha voluto affermare la sua filiazione per Stan Getz (di cui rilegge l'album Focus) anche se la vicinanza è solo timbrica e la ricerca espressiva è ampiamente personale.
In questo nuovo lavoro cambia ancora direzione e s'ispira alle musiche dei trovatori nell'Occitania del 12° secolo per comporre dieci brani dedicati a protagonisti storici dell'epoca, che esegue con l'anomalo trio comprendente Verneri Pohjolaalla tromba e Benjamin Flament alle percussioni. In aggiunta ai clarinetti e al sax tenore, Rifflet suona anche lo shruti-box, strumento indiano che suona contemporaneamente agli strumenti a fiato, con la funzione di bordone. Ne scaturisce un originale e intrigante jazz modale dai tratti medioevali, che si distanzia da quanto fatto nel jazz in quest'ambito.

Prendendo spunto da danze dell'epoca, ogni composizione porta il nome di un trovatore e si sviluppa con adesione allo spirito originale. La melodia del tema viene generalmente delineata all'unisono da Rifflet e Pohjola sul tessuto percussivo danzante o marziale di Flament, lasciando spazio alle improvvisazioni e alla costante rielaborazione contrappuntistica. La ieratica tromba del finlandese si sposa molto bene col dinamismo dei clarinetti e del sax tenore creando affascinanti contrasti. L'ipnotico bordone creato dallo shruti-box (che Rifflet usa con i piedi) è una delle carte vincenti del progetto.
I brani sono generalmente brevi, con un'efficace relazione tra momenti scritti e improvvisati. Nel finale del disco, con improvviso balzo di 800 anni, il leader al sax tenore espone un brano del repertorio jazzistico, che è poi il noto "The Peacocks" di Jimmy Rowles: esaltazione della bellezza melodica e improvvisazione col sostegno del solo shruti-box. Tre minuti dopo emerge dal silenzio un brano ombra: una libera improvvisazione collettiva in clima cameristico che riafferma il pieno ritorno dei tre al presente.

Track Listing

Sordello (da Goito); Eble (de Ventadour); Alberico (da Romano); Beatrice (de Die); Na (de Casteldoza); Le murmure I'vo'bene; Bertran (de Born); Azalais (de Porcairagues); The Peacocks

Personnel

Sylvain Rifflet: saxophone, tenor; Verneri Pohjola: trumpet; Benjamin Flament: percussion.

Album information

Title: Troubadours | Year Released: 2019 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Strollin'
Monaco, Meurkens, Hoyson, Lucas
Aufbruch
J. Peter Schwalm / Markus Reuter
Cool With That
East Axis

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.