All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Holshouser, Bennink & Moore: Live in NYC

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Holshouser, Bennink & Moore: Live in NYC
Due tra i più rappresentativi esponenti della scena jazz e avant europea come Michael Moore e Han Bennink e un giovane fisarmonicista americano - Will Holshouser - che ha studiato con Anthony Braxton, ha approfondito la conoscenza della musica creola e cajun, ha esplorato diverse aree della scena musicale nordamericana, vanta collaborazioni eterogenee (Regina Carter ed Antony and the Johnsons, David Krakauer e la Brooklyn Philarmonic Orchestra per citarne alcune). È questo l'originale trio protagonista di Live in NYC, quasi una permutazione dello storico Clusone Trio. Entusiasmante è la musica contenuta in Live in NYC, disco registrato al Drom di New York al termine di un altrettanto entusiasmante tour negli Stati Uniti.

Han Bennink è accreditato alla batteria ma per la maggior parte del live si esibisce al rullante percuotendone pelle, metalli, strutture e quant'altro con le spazzole, esibendo la solita sfrenata maestria ed esuberanza evidenziata ulteriormente da una presa sonora sbilanciata a suo favore. Michael Moore, che soffi nei clarinetti o nel sax contralto poco importa, traccia folgoranti scie dalla sonorità aspra, talvolta abrasiva con un fraseggio articolato e nervoso ma sempre sorretto da un'afflato melodico importante.

Will Holshouser utilizza uno stile per niente rivoluzionario, anzi talvolta prossimo alla tradizione della musette (di cui ha conoscenza profonda e che frequenta con regolarità nel progetto Musette Explosion al fianco di Matt Munisteri e Marcus Rojas), ma ha la straordinaria capacità di proiettare le esecuzioni verso ambiti stralunati e spiazzanti grazie ad accordi dal sapore naive, tocchi di colore che sanno di paese di balocchi e di pozioni magiche.

La musica tradizionale del Madagascar, "Hararavo Bilo," il blues che più blues non si può, "Families Be So Mean," lo swing camuffato di "Kerfuffle/I Never Knew," Kurt Weill e la sua "Bilbao Song" affrontata con rispetto e impudenza, nelle dita e nelle menti dei tre musicisti diventano cosa altra, laboratorio di idee che scaturiscono con spontaneità e massicce dosi di inventiva anche sul materiale meno accattivante.

Ascoltare il classico 3/4 di "Balfa Waltz" per credere!

Track Listing

01. Hararavo Bilo (tradizionale Madagascar); 02. Truthiness (HBM)/Families be so Mean (Moore); 03. Snowdrift (HBM); 04. Kerfuffle (HBM)/I Never Knew (Kahn & Fiorito); 05. Bilbao Song (Weill); 06. Rivulet (HBM/ Balfa Waltz (Balfa).

Personnel

Michael Moore (clarinetto, clarinetto basso, sax alto, melodica); Will Holshouser (fisarmonica); Han Bennink (batteria).

Album information

Title: Live in NYC | Year Released: 2012 | Record Label: Ramboy

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Transmigration
Makram Aboul Hosn
Wrongs
Dan Pitt Quintet
Polaris
Greg Skaff
Sun Beans Of Shimmering Light
Wadada Leo Smith / Douglas Ewart / Mike Reed

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.