All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Mark Murphy: Live in Italy 2001

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Mark Murphy: Live in Italy 2001
Quest'inedito concerto di Mark Murphy del 2001 è un documento prezioso che ci ricorda uno dei massimi vocalist della storia del jazz, il più eclettico e creativo della sua generazione. Incrementa il valore del compact la presenza di Marco Tamburini—allora 42enne—in uno smagliante quartetto con Marco Piacentini, Piero Leveratto e Marco Tonin.

Il 18 maggio 2001 il cantante di Syracuse fu invitato a Brescia ad aprire la prima "Rassegna Jazz e Letteratura" quale grande interprete del vocalese ed esemplare continuatore dell'incontro tra bop e poesia, nato a San Francisco con la Beat Generation. All'età di 69 anni Murphy manteneva in pieno quello stile avventuroso, eclettico e passionale che l'aveva reso figura di culto in una limitata cerchia di estimatori. Otteneva riconoscimenti nei critics poll di Down Beat, ma era interprete troppo personale per rispondere ai gusti del pubblico di massa, come hanno fatto Tony Bennett o Frank Sinatra. La sua natura d'improvvisatore estroverso ed eccentrico, sempre spericolato, emergeva al meglio di fronte a piccole audience, generalmente in un club.

Il concerto bresciano al Teatro Franciscanum segue di un anno la splendida performance del cantante al Dakota Bar & Grill di St. Paul, Minnesota, pubblicato in The Latin Porter e il suo svolgimento ricorda l'esibizione viennese del 1990, presente in Bop for Miles. Murphy evidenzia la sua statura di veemente bopper vocale, capace di combinare libertà ritmica, eccentricità espressiva e sensibilità coloristica in pirotecniche improvvisazioni scat. Accade in molti brani, risultando avvincente nella serrata esecuzione di "Milestones" (un superlativo Tamburini) e in "Parker's Mood," spericolato cavallo di battaglia dall'incisione di Bop for Kerouac (Muse, 1981). Ma nel disco non manca il lato introspettivo dello stile di Murphy, balladeur mai scontato, sempre incline alle variazioni cromatiche e ritmiche, in raro equilibrio tra dimensione colloquiale e canora.

Ricordiamo "My One and Only Love" (con esemplari assoli di Piacentini e Tamburini) e una magistrale versione dell'ellingtoniana "Do Nothin' Till You Hear from Me" (da solo accompagnandosi al piano), il momento più incantevole del concerto. In quella serata Murphy eseguì altri brani, come "Autumn Leaves," "Farmer's Market," "Stolen Moments," non compresi in questo compact. Forse è in programma un secondo volume?

Track Listing

All Blues; Summertime; Bye Bye Blackbird; Miles; Milestones; Do Nothin' Till You Hear from Me; On Green Dolphin Street; My One and Only Love; Parker's Mood.

Personnel

Mark Murphy: voce, pianoforte; Marco Tamburini: tromba, flicorno; Mario Piacentini: pianoforte; Piero Leveratto: contrabbasso; Marco Tonin: batteria.

Album information

Title: Live in Italy 2001 | Year Released: 2016 | Record Label: Splasc(H) Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.