All About Jazz

Home » Articoli » Multiple Reviews

1

L'arte dei suoni del Sonic Arts Network - Junko Wada: Music Dances itself / Stewart Lee: The Topography of Chance

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Sonic Arts Network è un network inglese che ha come scopo principale quello di esplorare l’indefinibile mondo che fonde arte e suono che è la “sound art”, o arte del suono. Sonic Arts Network è ormai una realtà riconosciuta a livello internazionale grazie ai suoi numerosi progetti e alle commissioni promosse a partire dagli anni Novanta che hanno permesso e permettono tutt’ora ad artisti inglesi (e non solo) di sviluppare progetti che abbiano a che fare [con modalità e finalità spesso molto diverse] con l’arte sonora e/o l’arte del suono e/o i suoni d’arte. Tra le numerose e interessantissime attività del Network segnaliamo la pubblicazione di una serie di CD a tema che documentano alcuni di questi progetti. La particolare veste grafica del CD, accompagnato sempre da un consistente libretto/copertina/poster di forma quadrata che documenta tutti i dettagli di quanto si ascolta e non solo, conferisce alla serie un valore aggiunto a musiche e progetti che già di per sé hanno grande interesse.

Junko Wada

Music Dances itself

Sonic Arts Network

(2006)

Valutazione: 3,5 stelle

Music Dances itself è una sorta di playlist ideale selezionata dall’artista, danzatrice e performer Junko Wada di musiche che esplorano forme differenti di sound art. Il CD documenta la collaborazione tra la danzatrice giapponese e una serie di artisti britannici che hanno dato vita ad una performance tenutasi al Jerwood Space di Londra in cui la coreografa ha eseguito delle danze a partire dalle musiche scelte. Il lato sonoro del progetto è piuttosto particolare perché si tratta solo in parte di musiche adatte al movimento, in qualche modo ritmiche, molte sono musiche assolutamente inadatte al movimento, musiche in ogni caso di personaggi chiave della musica contemporanea, quali Akio Suzuki, Christina Kubisch, Hans Peter Kuhn e Rolf Julius ma anche Arno P.Jiri Kraehahn e David Moss. Il libretto acclude una serie di foto stilizzate della performance utili a visualizzarla concretamente e un lungo racconto della Junko altrettanto interessante per capire cosa effettivamente sottende l’iterazione tra gesto, musica e suono.

(a cura di) Stewart Lee

The Topography of Chance

Sonic Arts Network

(2006)

Valutazione: 3 stelle

The Topography of Chance è un CD curato da Stewart Lee, commediografo, scrittore e regista, che documenta un viaggio per mezzo di elementi casuali attraverso varie città e luoghi degli Stati Uniti e dell’Europa. Il riferimento teoretico del progetto - un vero e proprio tributo alla filosofia Fluxus e al Situazionismo - è nel libro di Emmett Williams, “An Anecdoted Topography of Chance”, che documenta nel dettaglio oggetti lasciati “random” sulla scrivania di Daniel Spoerri, artista fluxus, a cui si è ispirato Stewart Lee per questo CD. Dal punto di vista musicale “The Topography of Chance” contiene diciassette tracce dove musicisti, ma anche alcuni artisti, commediografi e scrittori alternano musiche (per lo più improvvisate) a brevi gag che vanno dal paradossale al sublime. Molti progetti selezionati hanno a che fare con suoni e una particolare e specifica idea di paesaggio (sonoro) e nel loro insieme, uniti da delle mappe stampate nel libretto, costituiscono una vera e propria topografia sonora. Bellissimi i testi che accompagnano ogni traccia che aiutano ad entrare nella musica a partire non dal suono ma ciò che Lee ha colto in geografie e spazi diverso di esso.

Post a comment

Tags

More

A Conversation
Tim Hagans-NDR Big Band
Die Unwucht
Christopher Kunz & Florian Fischer
In Space
The Luvmenauts
Afrika Love
Alchemy Sound Project
Sunday At De Ruimte
Marta Warelis / Frank Rosaly / Aaron Lumley /...
Westward Bound!
Harold Land

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.