All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Alice Ricciardi, Pietro Lussu: Catch a Falling Star

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Le fonti d'ispirazione sono chiare (in primis il magistrale The Newest Sound Around di Jeanne Lee e Ran Blake) ma le scelte espressive e le doti personali di Alice Ricciardi e Pietro Lussu rendono il disco originale e avvincente.

La cantante milanese è stata allieva di Blake al New England Conservatory ed ha assorbito la sua estetica rarefatta e straniante; Pietro Lussu è un pianista di alta sensibilità, tra i migliori in Italia, e vi si relaziona in modo naturale. Ricercatezza e sottigliezze interpretative sono i tratti distintivi di quest'album piano/voce, aspetti che s'estendono all'editing della cover. I due protagonisti sono fotografati in una pista d'atletica al crepuscolo: un luogo insolito per degli artisti che non s'apprestano a gareggiare come degli atleti ma si girano a cogliere le luci della prima stella. È quanto dice l'insegna al neon sopra di loro, che è poi il titolo di un hit del 1957 di Perry Como.

Quella semplice filastrocca diventa l'emblema del disco e assume nella versione di Ricciardi e Lussu una connotazione intensa, quasi metafisica, nel contrasto tra l'esposizione vocale allusiva della cantante e l'accompagnamento disarticolato del pianoforte.

I tredici brani del repertorio sono stati scelti con cura, spaziando a tutto campo. Classici brani del songbook statunitense come "Liza" e "What Is This Thing Called Love"; song poco frequentati come "Sunday, Monday or Always" o "Boys and Girls Like You and Me"; il classico dei Beach Boys "Good Vibrations"; tre loro originals e una composizione di Steve Lacy con testo aggiunto da Giulia Niccolai (che sull'album di Lacy Momentum era cantato da Irene Aebi).

Ognuno di questi brani è trasfigurato con la ricercatezza e l'intensità emotiva di cui dicevamo. Quello della coppia è un lirismo essenziale che rispetta la pregnanza melodica dei temi senza stravolgerla. Mentre alterna il pianoforte al Rhodes, Lussu varia gli accenti, introduce asimmetrie armoniche (Monk e Tristano sarebbero compiaciuti), gioca sui contrasti di registro e volume con riflessiva profondità. Il canto della Ricciardi esprime il suo valore nella varietà cromatica, nella nitidezza d'esposizione, nel gioco colloquiale con cui varia gli accenti e i riverberi della voce.

Pur coerenti con la poetica dell'introspezione e del sussurro assimilata da Ran Blake, climi e situazioni diversi caratterizzano il percorso musicale, alternando sottigliezza e pathos. Da ricordare come brillanti gemme la fantasiosa riscrittura di "Good Vibration," la sensualità e il lirismo di "Sunday, Monday or Always," il lento e dilatato "Clues Blues."

Album della settimana.

Track Listing

Let’s Face the Music and Dance; Catch a Falling Star; Boys and Girls Like You and Me; Clues Blues; Good Vibrations; Liza; Sunday, Monday or Always; Y-Am; To One I Love; What Is This Thing Called Love; Utah; I Let a Song Go Out of My Heart; And Pink, and Gold, and Blue.

Personnel

Alice Ricciardi: vocals; Pietro Lussu: piano, Fender Rhodes.

Album information

Title: Catch a Falling Star | Year Released: 2019 | Record Label: Self Produced

Watch

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Fig Tree
Fig Tree
By Friedrich Kunzmann
Read C.M. Musictrain
C.M. Musictrain
By Jakob Baekgaard
Read Chelada
Chelada
By Joe Gatto
Read The Sustain of Memory
The Sustain of Memory
By Dan McClenaghan
Read Vena
Vena
By Mike Jurkovic