Content by tag "Milo Fine"

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Evil Genius: Experiments on Human Subjects

Read "Experiments on Human Subjects" reviewed by Glenn Astarita

It would be an uplifting experience to see this trio go at it in a live setting. For those who need comparisons, think of a cross-pollination between some of John Zorn-produced kinetic avant-garde jazz fusion, psych and rock ensembles along with Frank Zappa influences, and punk jazz groups.

Guitarist Max Kutner is the lead ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

The Milo Fine Free Jazz Ensemble featuring Steve Gnitka: Earlier Outbreaks of Iconoclasm

Read "Earlier Outbreaks of Iconoclasm" reviewed by Alberto Bazzurro

Veterano del radicalismo improvvisativo britannico (fra i musicisti incrociati spicca il nome di Derek Bailey), trapiantato fin dagli anni Settanta a Minneapolis, Milo Fine è una figura periferica quanto preziosa, ellittica, con cui quest'assolutamente meritoria riesumazione ci consente di venire in contatto. Batterista dal 1961, quindi anche pianista e più tardi clarinettista, Fine è noto (si ...

Rag, Saddle and All: Curlew and George Cartwright / Davu Seru

Read "Rag, Saddle and All: Curlew and George Cartwright / Davu Seru" reviewed by Clifford Allen

Saxophonist and composer George Cartwright might not be an oft-repeated name in creative improvised music, but he should garner a weighted whistle whenever he does crop up. Raised in Mississippi and now calling Minneapolis home, Cartwright was co-leader of the seminal New York post-RIO/squirrely downtown jazz ensemble Curlew, alongside cellist Tom Cora, throughout the 1980s and ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Milo Fine: Ananke

Read "Ananke" reviewed by AAJ Italy Staff

Multistrumentista dedicatosi alla batteria, al piano, ai clarinetti, alla marimba e alla costruzione di strumenti originali, Milo Fine ha sempre posto grande attenzione ai processi cognitivi e culturali legati all'improvvisazione, concentrandosi sull'accumulazione di senso in grado di indirizzare lo svolgimento di una performance musicale. Il rigore del suo lavoro gli impone una ricerca costante dell'autenticità, al punto di ...

ARTICLE: ALBUM REVIEWS

Milo Fine & Viv Corringham: Senilità

Read "Senilità" reviewed by AAJ Italy Staff

Se l’intento del duo Milo Fine & Viv Corringham con l’album Senilità è quello di sferrare un pugno allo stomaco dell’ascoltatore e testarne la resistenza d’ascolto, l’obiettivo si può considerare senz’altro raggiunto. Se nel concerto registrato a Minneapolis nel giugno 2005 c’e il tentativo di accompagnare l’ascoltatore in territori sperimentali dove l’assenza di regole è la regola e il ...