All About Jazz

Home » Tag Center » Tag: Steve Lehman

Content by tag "Steve Lehman"

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Tyshawn Sorey: Verisimilitude

Read "Verisimilitude" reviewed by Giuseppe Segala

Il tocco ricco di sottili contrasti dinamici che Tyshawn Sorey mette in risalto alla batteria si avvicina per ampiezza espressiva a quello delle dita su un pianoforte: dalla pennellata acquosa al colpo ovattato, dall'urto leggero alla cupa, vigorosa stoccata. Sempre restando nell'ambito di una gamma elastica, mobile, rilassata. Una qualità che, unita alla plastica intelligenza musicale, ...

ARTICLE: BEST OF / YEAR END

Matt Hooke's Best Releases of 2017

Read "Matt Hooke's Best Releases of 2017" reviewed by Matt Hooke

2017 marked the first year that I wrote for All About Jazz, and I got to experience some phenomenal music. It was a diverse year in jazz, international artists like Tony Allen and Seckou Keita brought unique perspectives to jazz. Other artists like Chris Thile, Brad Mehldau, and Dayme Arocena, released some of their best work ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Jazz Jantar 2017

Read "Jazz Jantar 2017" reviewed by Martin Longley

Jazz Jantar
Klub Zak
Gdańsk, Poland
November 9-12, 2017

Jazz Jantar is one of the less well-known Polish festivals (outside of Poland), but it has been running in the northern port of Gdańsk for two decades, and is housed by Klub Zak, an arts centre that has roots ...

ARTICLE: BEST OF / YEAR END

Il meglio del 2017 secondo Luca Canini

Read "Il meglio del 2017 secondo Luca Canini" reviewed by Luca Canini

Un altro anno di ascolti, un altro bilancio da tracciare. Dodici dischi per dodici mesi. Difficile. Difficilissimo. Ma in fondo divertente. E forse anche un po' utile: per chi compila e per chi legge. Un altro anno di ascolti, un altro anno di grande musica. Con Steve Coleman e Craig Taborn davanti a tutti per meriti ...

ARTICLE: MULTIPLE REVIEWS

Matt Mitchell, un pianoforte declinato al futuro

Read "Matt Mitchell, un pianoforte declinato al futuro" reviewed by Luca Canini

Se da un lato c'è Tim Berne che ti affida le chiavi del suo quartetto, e dall'altro Steve Coleman che al momento di mettere qualcuno davanti a una tastiera non esita a comporre il tuo numero, vuol dire che qualcosa di buono al pianoforte lo sai fare. Certo, poi serve anche altro per uscire definitivamente allo ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Maria Grand: Tetrawind

Read "Tetrawind" reviewed by Vincenzo Roggero

Maria Grand, madre svizzera, padre argentino, dal 2011 residente a New York, a soli venticinque anni può vantare una serie di collaborazioni da far tremare i polsi -Tyshawn Sorey, Doug Hammond, Craig Taborn, Vijay Iyer -oltre ad essere membro stabile dei Five Elements di Steve Coleman e new entry del trio di Steve Lehman. Insomma, roba ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

38th International Jazzfestival Saalfelden

Read "38th International Jazzfestival Saalfelden" reviewed by Enrico Bettinello

International Jazzfestival of Saalfelden
Saalfelden, Austria
August 24-27, 2017

Once again, set against the amazing backdrop of the Austrian Alps, the International Jazzfestival of Saalfelden offered a unique perspective on the most adventurous jazz from around the world, as it does since its inception in the 1970s.

It is no coincidence ...

ARTICLE: LIVE REVIEWS

Jazzfestival Saalfelden 2017

Read "Jazzfestival Saalfelden 2017" reviewed by Stefano Merighi

Fotografare lo stato dell'arte nell'ambito del jazz e delle musiche limitrofe è compito che il festival di Saalfelden svolge assai bene ormai da decenni. Non solo la rassegna austriaca non rinuncia ad alcuna delle sue prerogative estetiche (apertura massima rispetto agli stili contemporanei, volontà di anticipare tendenze, capacità di realizzare prime esecuzioni mondiali), ma anzi, trova ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Vijay Iyer Sextet: Far from Over

Read "Far from Over" reviewed by Enrico Bettinello

Come tutti i musicisti dotati di un'intelligenza non comune, Vijay Iyer sfida continuamente i propri ascoltatori a seguirlo dentro territori stimolanti. Non si fa un torto al pianista e compositore di origine indiana se si ricorda come il suo percorso artistico da leader si sia fino a oggi snodato tra accecanti intuizioni, complesse indagini formali e ...

ARTICLE: CD/LP/TRACK REVIEW

Vijay Iyer: Far from Over

Read "Far from Over" reviewed by Mike Jurkovic

Vijay Iyer sounds so evolved and invigorating with each release that it's easy to forget that his eye-opening debut Memorophilia, Asian Improv Records) was two-plus decades ago. Think about it, Blood Sutra, Historicity, Accelerando, Tirtha...

But over the course of his ECM five disc career (beginning with 2014's Mutations), there has been a little ...