All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

1

James Zitro: Zitro

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Si deve alla recente e gradita rentrée di Bernard Stollman, tornato in sella all'amata Esp, la ghiotta opportunità di poter ascoltare nuovamente, per di più in CD e rimasterizzate a dovere, alcune delle perle del catalogo dell'etichetta newyorchese. Tra le tante (da Alan Sondheim a Marzette Watts), un posto di riguardo spetta a Zitro, debutto da leader del batterista James Zitro, alla seconda apparizione discografica griffata Esp dopo aver partecipato a Music from the Spheres di Sonny Simmons.

Autentico eroe misconosciuto della seconda ondata free, uno tra i tanti, Zitro ebbe giusto il tempo per consegnare agli annali, e alla voracità dei completisti, il presente lavoro prima di tornare nella nativa Santa Cruz, dove pare che tutt'ora risieda ed eserciti.

In scaletta due lunghe composizioni e una chiosa, per poco più di quaranta minuti di Esp sound enciclopedico, paradigmatico, fatto di lunghe cavalcate, assoli infuocati e tumultuosi unisono.

I ventidue minuti di "Freeken," dopo un intro di basso e batteria, si aprono con un vamp alla "A Night in Tunisia," che sfocia in una sobbalzante serie di soli da parte dei fiati, con il tenore di Bert Wilson, unico dei musicisti coinvolti nella session ad aver avuto a suo modo una storia discografica significativa, particolarmente ispirato; mentre il drumming del leader si dispiega all'insegna dell'energia, forse con qualche legnosità di troppo. Dal sapore obliquamente bop pure l'attacco della successiva "Happy Pretty," anche se già dopo il primo minuto l'atmosfera torna a farsi torrida, con il tema che si sfilaccia fino a quando il tenore di Wilson (decisamente il migliore del lotto) emerge dal caos per un altro solo da incorniciare.

Siamo in piena estetica Coltrane, invece, con "Sweet," nella quale sono i block chords del piano di Michael Cohen (ai tempi avvocato in San Francisco, oggi chissà) a dettare i ritmi dell'inevitabile crescendo.

Nel complesso, si va ben oltre il mero valore archeologico: una testimonianza viva e vibrante di un'epoca irripetibile.


Track Listing: 1. Freeken (Zitro) - 22:09; 2. Happy Pretty (Wilson) - 13:50; 3. Sweet (Cohen) - 5:06.

Personnel: Allan Praskin (sax alto); Bert WIlson (sax tenore); Warren Gale (tromba); Michael Cohen (piano); Bruca Cale (contrabbasso); James Zitro (batteria).

Title: Zitro | Year Released: 2009 | Record Label: ESP Disk

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Walk The Walk CD/LP/Track Review
Walk The Walk
by Mark Sullivan
Published: May 21, 2018
Read Vol II CD/LP/Track Review
Vol II
by Geno Thackara
Published: May 21, 2018
Read Months, Weeks and Days CD/LP/Track Review
Months, Weeks and Days
by Glenn Astarita
Published: May 21, 2018
Read Space Is The Place CD/LP/Track Review
Space Is The Place
by James Fleming
Published: May 21, 2018
Read Poetry in Motion CD/LP/Track Review
Poetry in Motion
by Liz Goodwin
Published: May 21, 2018
Read Murals CD/LP/Track Review
Murals
by Dan McClenaghan
Published: May 20, 2018
Read "The Poetry of Jazz" CD/LP/Track Review The Poetry of Jazz
by Mark Corroto
Published: March 16, 2018
Read "There'll Be Some Changes Made" CD/LP/Track Review There'll Be Some Changes Made
by Dr. Judith Schlesinger
Published: May 17, 2018
Read "Solo: Reflections and Meditations on Monk" CD/LP/Track Review Solo: Reflections and Meditations on Monk
by Karl Ackermann
Published: October 10, 2017
Read "The Brightest Minute" CD/LP/Track Review The Brightest Minute
by Jack Bowers
Published: August 25, 2017
Read "Putting Off Death" CD/LP/Track Review Putting Off Death
by Glenn Astarita
Published: August 17, 2017
Read "Transition" CD/LP/Track Review Transition
by Troy Dostert
Published: April 30, 2018