All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Ceramic Dog: YRU Still Here?

Luca Muchetti By

Sign in to view read count
Marc Ribot è tornato coi suoi Ceramic Dog e con un album YRU Still Here? che si inserisce nel solco della piega politica e di protesta che da tempo lo contraddistingue. I suoi compagni di viaggio per questa terza uscita marcata Ceramic Dog (a 10 anni compiuti dall'avvio del progetto) sono Shahzad Ismaily e Ches Smith (di recente visto in Italia al fianco di Erik Friedlander con il progetto Throw a Glass).

YRU Still Here? è un disco molto più rock che jazz. Tutte etichette da prendere con le pinze, naturalmente, ma lo stile che il trio sceglie di adottare per buona parte degli undici componimenti alla base dell'album va in una direzione spesso più simile alla forma-canzone che a fantasmagorie jazzistiche. Il colpo di coda, il cambio di rotta improvviso è sempre dietro l'angolo, e non è certo di fantasia che manchi YRU Still Here?, ma è anche evidente come Ribot e i suoi si pongano in un'ottica 'popular' molto più che colta e intellettuale. Non un difetto, intendiamoci, ma una scelta del tutto coerente (anche) rispetto ai contenuti sociali dell'album.

A colpire di YRU Still Here? è la capacità di posizionare così tante influenze musicali in un solo corpo, per altro straordinariamente coeso. La chitarra scheletrica al centro, come marchio inconfondibile, e tutto attorno un nomadismo sonoro che fonde funk e rumorismo, canzone e composizione strumentale, suoni acustici, elettrici ed elettronici, sonore arrabbiature che somigliano a quel punk che sarebbe piaciuto a Joe Strummer e digressioni da rock sperimentale in preda a visioni. Chiamatelo jazz da barricata, se volete, ma scordatevi di ascoltarlo da seduti.

Track Listing: Personal Nancy; Pennsylvania 6 6666; Agnes; Oral Sidney With a "U"; YRU Still Here?; Muslim Jewish Resistance; Shut That Kid Up; Fuck La Migra; Orthodoxy; Freak Freak Freak On The Peripherique; Rawhide.

Personnel: Marc Ribot: chitarre, farfisa, basso, vocoder, corno; Shahzad Ismaily: basso, Moog, percussioni, cori; Ches Smith: batteria, percussioni, elettroniche, cori.

Title: YRU Still Here? | Year Released: 2018 | Record Label: Northern Spy

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read LE10 18-05 Album Reviews
LE10 18-05
By Karl Ackermann
May 20, 2019
Read Remembering Miles Album Reviews
Remembering Miles
By Dan McClenaghan
May 20, 2019
Read Merry Peers Album Reviews
Merry Peers
By Bruce Lindsay
May 20, 2019
Read Music! Music! Music! Album Reviews
Music! Music! Music!
By Doug Collette
May 20, 2019
Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019