All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Tim Berne's Snakeoil: You've Been Watching Me

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Snakeoil di Tim Berne è sicuramente formazione che farebbe fare l'en plein in un "Blindfold test," procedura ideata dal critico musicale Leonard Feather attraverso la quale il musicista in questione viene sottoposto all'ascolto di un disco, con lo scopo di individuarne il titolare ed esprimere una valutazione. Troppo riconoscibile l'impianto sonoro, troppo solide le coordinate stilistiche sorrette da geometrico senso della forma, troppo caratteristiche le singole voci strumentali-seppur messe creativamente al servizio del gruppo -troppo consolidata la scrittura del leader, per non essere identificata persino dal musicista meno provveduto.

L'idea di aggiungere in questa terza prova discografica targata ECM, un nuovo strumento, per di più armonico, potrebbe così sembrare temeraria se non azzardata, per il rischio di far saltare per aria, o quantomeno inceppare, un ingranaggio perfettamente oliato e autonomo. Al contrario, la chitarra di Ryan Ferreira si rivela un valore aggiunto dell'incisione, innesto senza crisi di rigetto su di un organismo talmente onnivoro da risultare accogliente anche per gli sprazzi di elettronica -altra novità del disco -dispensati dal sempre più sorprendente Matt Mitchell.

Ecco allora le complesse strutture di Berne dipanarsi con senso drammatico fino a raggiungere toni epici seppur depurati di ogni deriva enfatica. Ecco la chitarra nelle vesti sia di propellente aggiunto per la combustione della materia musicale che di passepartout per aprirsi ad orizzonti solcati da screziature melodiche, finora piuttosto rari nella discografia di Berne. Ecco il gioco di contrappunti, di traiettorie zigzaganti, di improvvisazioni che percorrendo strade diverse si ritrovano inevitabilmente a brillare della medesima bellezza.

Se "Small World in a Small Town" è la composizione più ambiziosa del disco, diciotto minuti di struttura articolata e mobile, variegata nelle atmosfere ma di chiaro impianto cameristico. Se "Embraceable Me" sorprende per l'alchimia apparentemente rilassata, in realtà carica di una tensione quasi insostenibile che chitarra, pianoforte e vibrafono forniscono alle evoluzione del sax di Berne, è il brano intitolato "Semi-Self Detached" che lascia senza fiato. Inizialmente oggetto quasi misterioso nella galassia del musicista di Syracuse per la sua impalpabilità, il senso di spazio infinito, le atmosfere rarefatte, i suoni appena percettibili, con il passare dei minuti il brano acquista corpo e vigore grazie ad un solo feroce, delirante, visionario, devastante del sassofonista. Da KO.

Another great one, Mr. Berne!

Track Listing

Lost In Redding; Small World In A Small Town; Embraceable Me; Angles; Youve Been Watching Me; Semi-Self Detached; False Impressions.

Personnel

Tim Berne: alto saxophone; Oscar Noriega: B-flat clarinet, bass clarinet; Matt Mitchell: piano, electronics; Ryan Ferreira: electric guitar, acoustic guitars; Ches Smith: drums, vibraphone, percussion, timpani.

Album information

Title: You've Been Watching Me | Year Released: 2015 | Record Label: ECM Records

Watch

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and through our retail affiliations you'll support us in the process.


MUSICSTACK

Rare vinyl LPs and CDs from over 1,000 independent sellers

AMAZON

CDs, Vinyl, Blu-Ray DVDS, Prime membership, Alexa, SONOS and more

HD TRACKS

Specializing in high resolution and CD-quality downloads

CD UNIVERSE

Specializing in music, movies and video games

REVERB

Marketplace for new, used, and vintage instruments and gear

More

Read Bluebeard
Bluebeard
Yuri Honing Acoustic Quartet
Read Battle Lines
Battle Lines
Steve Fidyk
Read Calling
Calling
Anansi Trio
Read That Time
That Time
London Jazz Composers Orchestra
Read Day By Day
Day By Day
Cory Weeds
Read Silver Dollar
Silver Dollar
Jason Stein
Read Four Questions
Four Questions
Arturo O'Farrill and the Afro Latin Jazz Orchestra