All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Marc Ribot Ceramic Dog: Your Turn

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Se n'è stato buono buono nella cuccia per cinque anni il cane di ceramica, attendendo con pazienza che i padroncini Ches Smith, Shazad Ismaily e Marc Ribot si decidessero a sfornare il seguito del fulminante Party Intellectuals. Vero: i tre l'hanno portato a spasso per il mondo di tanto in tanto, allentando il guinzaglio e facendogli sgranchire le zampe.

Eppure stava cominciando a sorgere il dubbio che l'opera prima fosse destinata a rimanere anche l'ultima. Perché? Perché cinque anni sono lunghi persino per il sonnacchioso quartierino jazz; e perché dall'ormai lontano 2008 le cose sono parecchio cambiate. Soprattutto per Ches Smith, che nel frattempo è diventato uno dei batteristi di punta della nuova scena americana (il batterista di punta?). These Arches, Snakeoil, Mary Halvorson Trio e Quintet: dischi, riconoscimenti, esibizioni, impegni che si accumulano e tanti saluti al cane di ceramica.

E invece no: la strana bestia è di nuovo in circolazione. Bava alla bocca, denti aguzzi e occhi iniettati di sangue. Rispetto al debutto ci sono meno fronzoli e più sostanza, meno stranezze e più cattiveria. Il taglio è decisamente rock. Trasversale finché si vuole, bastardo e contaminato (e come potrebbe essere altrimenti?), ma dannatamente rock.

L'iniziale "Lies My Body Told Me" profuma di Stooges e Gun Club, con il canto luciferino di Ribot sostenuto dal riff ossessivo del basso e da un pandemonio di schitarrate. "Your Turn," "Ritual Slaughter" e "Prayer" si muovono sulle stesse coordinate (Motorpsycho? Morphine? Violent Femmes? Fate voi). Appartengono al lato "freak," invece, l'improbabile rilettura di "Take 5," la stralunata "The Kid Is Back!" e l'intermezzo reggae di "Ain't Gonna Let Them Turn Us Around," che precede e introduce l'apice dell'intero disco: "Bread and Roses," non a caso piazzata esattamente al centro della scaletta.

Apice e manifesto. La buttano in politica Ribot e compagni. Your Turn è un disco militante (chi vuole storcere il naso faccia pure). Riesumare uno dei canti operai più famosi al mondo (coverizzato da Joan Baez, Judy Collins, Ani Di Franco) e farne una rabbiosa cavalcata, significa prendere posizione. E se qualcuno ancora non fosse convinto, ci sono la breve comparsata di "Avanti popolo" e la feroce invettiva di "Masters of the Internet" a ribadire il concetto. Per non parlare della copertina: otto caselle occupate su nove e l'invito a giocare un gioco impossibile da vincere. Il cane di ceramica ha qualcosa da dire e lo dice senza peli sulla lingua. A modo suo: ringhiando e azzannando.

Track Listing: Lies My Body Told Me; Your Turn; Masters of the Internet; Ritual Slaughter; Avanti Populo; Ain't Gonna Let Them Turn Us Round; Bread and Roses; Prayer; Mr. Pants Goes to Hollywood; The Kid is Back!; Take 5; We Are the Professionals; Special Snowflake.

Personnel: Marc Ribot: guitars, vocals, Eb horn (3, 5, 11, 12), banjo (3), trumpet (3, 12), melodica (5), bass (5); Ches Smith: drums, percussion, electronics, vocals, keys (13); Shahzad Ismaily: bass, vocals, Moog (5), keys (3, 13), guitar (1), samples (3); Eszter Balint: vocals (1, 6, 10), melodica (9), organ (10), violin (13); Keefus Ciancia: samples (3, 7, 8, 12); Dan Willis: oboe, zurna (3); Arto Lindsay: guitar (10).

Title: Your Turn | Year Released: 2013 | Record Label: Northern Spy Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Date Detail Price
Jun12Wed
Marc Ribot Quartet
Roulette
Brooklyn, NY
$40
Sep15Sun
Marc Ribot
Auditorium Parco Della Musica
Roma, Italy

Related Articles

Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Dan Bilawsky
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019
Read Pulcino Album Reviews
Pulcino
By Nicholas F. Mondello
May 22, 2019
Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019
Read All I Do Is Bleed Album Reviews
All I Do Is Bleed
By Paul Naser
May 21, 2019