All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Wire Trio alla Casa del Jazz

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Wire Trio
Roma Jazz Festival 2018
Casa del Jazz
08.07.2018

Il cinquantennale del festival di Woodstock del 1969 ricorrerà il prossimo anno, ma le celebrazioni sono già cominciate. Il recente progetto Woodstock Reloaded del Wire Trio di Enzo Pietropaoli con Enrico Zanisi e Alessandro Paternesi ha già prodotto un CD e alcuni concerti prima di approdare alla Casa del Jazz nel programma del Roma Jazz Festival 2018. Il contrabbassista aveva 14 anni ai tempi di Woodstock, e come tanti altri (giovani e meno giovani) rimase segnato dalla visione del film che l'anno successivo esportò il mito di Woodstock in tutto il mondo, mito che ancora perdura nell'immaginario di tutta una generazione, e anche di quelle che l'hanno seguita.

La serata è strutturata come una lezione-concerto: sul palco si presenta dapprima il giornalista e critico musicale Ernesto Assante, che fa rivivere alla platea il ricordo di quei tre giorni cercando di descrivere l'importanza dell'evento e lo spartiacque che ha rappresentato per la cultura giovanile (ma non solo). Il tutto con il supporto di materiale audio-video preso dai filmati ufficiali e proiettato su uno schermo dietro al palco. Al termine della lunga introduzione arriva il trio, che propone la propria rivisitazione di alcuni dei brani più famosi presentati nel corso dl festival. Si comincia con "Soul Sacrifice," il brano che ha lanciato la carriera degli allora sconosciuti Santana, di cui chiunque abbia visto il film ricorda la carica fenomenale del giovanissimo batterista, l'allora diciassettenne Michael Shrieve. Il basso elettrico a 5 corde di Pietropaoli (che per l'occasione ha lasciato a casa il più consueto contrabbasso), fortemente distorto, sostituisce la chitarra di Carlos Santana nell'esposizione del tema prima che il trio si lanci nell'improvvisazione jazzistica guidata da Zanisi dapprima al sintetizzatore e poi al piano.

I brani che seguono, tutti presenti nel CD inciso dal trio e pubblicato all'inizio di quest'anno, sono nell'ordine "See Me, Feel Me/Listening to You" degli Who, "With a Little Help from My Friend," la canzone dei Beatles interpretata a Woodstock da Joe Cocker, "Summertime," l'immortale canzone di George Gershwin nella versione di Janis Joplin, "Proud Mary" dei Creedence Clearwater Revival e "Hey Joe" di Jimi Hendrix. Il trio li reinterpreta con grande passione e rispetto per gli originali, ma cercando di attualizzarli utilizzando un linguaggio jazz moderno e facendo ricorso all'elettronica per giocare sui timbri e avvicinarli alla materia rock originale. L'operazione di base in fondo non si discosta molto da quanto Pietropaoli aveva già fatto con i Doctor 3, rileggendo tanti brani di vari generi musicali in chiave jazzistica, ma in quel caso la dimensione era quella del classico jazz piano trio senza derive di tipo elettronico.

Un progetto nel complesso piacevole e riuscito, anche se è difficile prevedere quale tipo di sviluppo possa avere; probabilmente resterà legato alle celebrazioni per l'anniversario del festival, un omaggio di Pietropaoli a un evento che ha rappresentato una fonte di ispirazione fondamentale nella sua formazione professionale, e non solo per quanto riguarda gli aspetti musicali.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read The Magpie Salute At The Grand Point North Festival 2018 Live Reviews
The Magpie Salute At The Grand Point North Festival 2018
by Doug Collette
Published: September 23, 2018
Read Chris Isaak at The Paramount in Huntington, NY Live Reviews
Chris Isaak at The Paramount in Huntington, NY
by Christine Connallon
Published: September 23, 2018
Read Detroit Jazz Festival 2018 Live Reviews
Detroit Jazz Festival 2018
by C. Andrew Hovan
Published: September 19, 2018
Read Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner Live Reviews
Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: September 18, 2018
Read Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia 2018 Live Reviews
Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia...
by Nenad Georgievski
Published: September 16, 2018
Read Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood Vampires, Black Asteroids & Paul Lamb Live Reviews
Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood...
by Martin Longley
Published: September 16, 2018
Read "Ann Hampton Callaway at Birdland" Live Reviews Ann Hampton Callaway at Birdland
by Tyran Grillo
Published: November 5, 2017
Read "Jazztopad Festival 2017" Live Reviews Jazztopad Festival 2017
by Henning Bolte
Published: December 13, 2017
Read "The Nels Cline 4 At Higher Ground" Live Reviews The Nels Cline 4 At Higher Ground
by Doug Collette
Published: July 8, 2018
Read "Brussels Jazz Festival 2018" Live Reviews Brussels Jazz Festival 2018
by Martin Longley
Published: February 22, 2018
Read "Matthew Shipp Trio at SFJAZZ" Live Reviews Matthew Shipp Trio at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: December 19, 2017