All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Gilles Laheurte: Wings of Light

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Gilles Laheurte: Wings of Light
Disco in solitudine al soprano, ma con l'apporto di un'ampia rosa di percussioni (campane, gong orientali, xilofono e molto altro), per il sessantottenne Gilles Marie-Paul Laheurte, apolide nato in Francia, cresciuto in Austria e Germania, grande viaggiatore che alfine ha scelto di vivere a New York, sopranista seguace di Steve Lacy, audace sperimentatore musicale e artista attivo non solo nel campo della musica.

Laheurte non è nuovo a questo genere di opere, che stavolta dedica in larga misura a Lacy: sei brani su otto sono infatti esplicitamente ispirati dalla sua musica, mentre il primo lo è anche dalla musica di Evan Parker e l'ultimo da quella di Masahiko Togashi. Le tracce sono di lunghezza variabile, ma tre superano i dieci minuti: molto per un lavoro in solitudine, cosa che già segnala—così come lo fanno alcuni dei titoli—il genere di ricerca portato avanti da Laheurte e che ha molto a che fare con la musica da meditazione che l'artista ha potuto assimilare nel corso dei suoi viaggi.

Così il disco si apre come se si entrasse in un tempio asiatico, con gong e campane, per poi proseguire con una lenta e intensa meditazione del soprano; rientra nel tempio all'inizio della traccia successiva, che vede il soprano impegnato su sonorità più alte, quasi a invocare, e poi su melodie ipnotiche tipicamente lacyane, non senza l'apporto di espressività distorte, ancorché mai eccessive, che si concludono ancora con suggestivi colpi di gong.

Più obliqui e minimalisti i successivi tre brani, prima di rientrare nel tempio con "Moon Zen Twilight Zen New Moon," la traccia più lunga e fortemente suggestiva, nella quale i ritmi tornano più estesi, le linee meno vorticose e le atmosfere più meditative. Il disco si conclude poi con un brano per sole percussioni e infine con l'unico pezzo non ispirato da Lacy, che in effetti, ancorchè a momenti ipnotico, è anche quello più narrativo e lirico del programma.

Disco forse per amanti del genere e dello strumento—va però detto che Laheurte non scimmiotta il suono di Lacy e si concentra sul suo proprio—ma ciononostante di grande suggestione.

Track Listing

Bugle Boy Evan; Well, This Is It; Wicked Wickets; Quantum Quirks; Snips Tricks; Moon Zen Twilight Zen New Moon; Rings on My Mind; Balanced Ballets.

Personnel

Gilles Marie-Paul Laheurte: sax soprano, percussioni.

Album information

Title: Wings of Light | Year Released: 2014 | Record Label: SelfGratifying Productions

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Bernstein Reimagined
Bernstein Reimagined
Smithsonian Jazz Masterworks Orchestra
Read Faune
Faune
Raphaël Pannier Quartet
Read En Casa Limon
En Casa Limon
David Broza
Read Freedom Fables
Freedom Fables
Nubiyan Twist
Read Auge
Auge
Aki Takase / Christian Weber / Michael Griener
Read Son Of Nyx
Son Of Nyx
Tamil Rogeon
Read Solo/Duo
Solo/Duo
Eli Wallace/Beth McDonald

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.