All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Dieter Glawischnig: Winged by Distance (Live at Theater Gütersloh)

Luigi Sforza By

Sign in to view read count
Dieter Glawischnig: Winged by Distance (Live at Theater Gütersloh)
Animatore musicale della cosiddetta scena musicale creativa ed improvvista europea sin dagli anni Settanta, il pianista e polistrumentista austriaco Dieter Glawischnig —che vanta numerose collaborazioni, tra gli altri con Anthony Braxton, Karl Berger, Albert Mangelsdorff, John Surman e Conny Bauer—documenta in Winged by Distance (Live at Theatre Gutersloh) un'esibizione improntata al "qui ed ora," in cui la circostanza dell'evento riassume in sé il senso profondo della performance, in cui il grado di sviluppo del suono è determinanto da aspetti aleatori e da spinte improvvisative oltre il limite del predeterminato.

In quanto musica ampiamente ma non definitivamente libera, spesso svincolata dai precetti dell'armonia e della forma, un ruolo fondamentale gioca l'elemento dialogico tra gli strumenti—che sono tromba e flicorno (Manfred Schoof), pianoforte e contrabbasso (Hans Glawischnig). È nella relazione osmotica tra le voci che la performance prima e il disco poi trovano piena realizzazione. Di sicuro la libera improvvisazione non definisce la natura del progetto in maniera esclusiva.

Non è casuale che tutto scaturisca da un pedale sul quale i tre strumenti intersecano le loro vibrazioni sonore in un susseguirsi dialettico di eventi musicali. La comparsa di citazioni ellingtoniane -come l'introduzione di "Take the 'A' Train," accenata dal pianoforte di Glawisching in "Winged by Distance II" -o le idee chiaramente melodiche, come in "Liad Fira Madl," o addirittura veri e propri timidi temi melodici ("A Lied") non fanno altro che dare all'operazione una identità peculiare, dotata di elementi semantici anarcoidi ma che tendono ad attuenuarsi e perfino a stabilizzarsi in momenti riconducbili al lessico tradizionale afro-americano, come in un passaggio in classico stile walking bass presente nel brano "Winged by Distance III."

In "Panorama," capitolo decisamente lirico del disco, si intuisce una idea di forma in cui tema/improvvisazione libera/tema finale costituiscono il fondamento strutturale; qui fa capolino perfino un accenno pianistico dai chiari connotati blues.

Registrato alla fine di febbraio del 2015, Winged by Distance convince per la forza delle idee che propone e affascina per la capacità di catturare l'attenzione dell'ascoltatore, il quale si trova di fronte una musica attuale, polimorfa e solo apparentemente circoscritta in schemi limitati e tuttavia perfettamente leggibile nelle varie gradazioni lingustiche elencate.

Track Listing

Winged by Distance; My Own Song; Orbitando; Winged by Distance II; Liad Fira Madl; A Lied; Pattern; Winged by Distance III; Ballad Nr. 2; Liad Fira Madl II; Panorama; Solidaritatslied Nr.2; Folksong.

Personnel

Manfred Schoof: tromba e flicorno; Dieter Glawischnig: pianoforte; Hans Glawischnig: contrabbasso.

Album information

Title: Winged by Distance (Live at Theater Gütersloh) | Year Released: 2016 | Record Label: Intuition Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.