All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Lanfranco Malaguti: Why Not?

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Lanfranco Malaguti: Why Not?
Ciclicamente la ricerca di Lanfranco Malaguti si confronta con gli standard, usandoli come un materiale da plasmare e riplasmare, ridisegnandone in profondità i connotati armonici, melodici e ritmici. In questo senso i primi lavori risalgono alla fine degli anni ottanta con Sound Investigations (Splasc(H) 1988) e Synthetismos (Splasc(H) 1989) a cui seguirà nel 1990 Something, dedicato alle canzoni dei Beatles.
A quei dischi, realizzati in trio con Enzo Pietropaoli al basso e Fabrizio Sferra alla batteria, è seguita una copiosa produzione che ha visto Malaguti accentuare il suo lavoro di sperimentazione in vari contesti: dal trio/quartetto con Stefano D'Anna, Pietropaoli e Roberto Gatto dei primi anni Novanta, alle varie formazioni con musicisti veneto/friulani (Cesselli, Maiore, Dani, Volpi ecc...) fino alla lunga parentesi in solitudine esemplificata dai dischi White Christmas , Standard Obsession e A gola spiegata , pubblicati dalla Splasc(H) dal 2003 al 2007.

Da qualche anno i partner privilegiati di Malaguti sono il sassofonista Nicola Fazzini, il batterista Luca Colussi e il fisarmonicista Romano Todesco (che ha preso il posto dal 2014 del flautista Massimo De Mattia) e questo disco presenta una nuova indagine sui classici della canzone americana. Unica eccezione è l'original "Blues to Monica."
Un po' come facevano Bill Evans o Lennie Tristano, gli standard affrontati da Malaguti sono quasi sempre gli stessi e i più frequenti li ritroviamo in questo disco. Non a caso "Solar," "There Will Never Be Another You," "Stella by Starlight" e "The Days of Wine and Roses" erano il nucleo del citato Synthetismos di quasi tre decenni fa.

A chi ne ha la possibilità consigliamo di andarli a riascoltare, confrontando le versioni sviluppate nel tempo con quelle attuali. All'interno di una cifra stilistica coerente col rigore del cool jazz tristaniano, le sorprese sono molte e principalmente di tipo timbrico. Dopo le intransigenti esplorazioni armoniche e melodiche del passato, Malaguti apre un nuovo fronte espressivo con risultati abbaglianti. Come nel recente Oltre il confine il chitarrista usa nel corso dei brani chitarre elettriche diverse e molta elettronica (Guitar Valve Overdrive, Guitar Organ, Guitar Viola, Guitar Polyphonic Octave Generator) facendo uso di sonorità rock entro lunghe improvvisazioni tematiche fondate sul contrasto simmetria/asimmetria. Ogni brano ha una sua precisa fisionomia ma la destrutturazione dei temi non arriva mai a renderli irriconoscibili: sprazzi della melodie originali compaiono improvvisamente nel corso degli assoli, dei confronti liberamente improvvisati o delle parti scritte.

L'apporto dei partner non è secondario, sia nelle improvvisazioni (esemplare Fazzini per l'affinità col leader) che nel confronto timbrico, e i risultati, pur conservando il rigore della ricerca, risultano accattivanti. In un certo senso più "facili" perchè l'ascoltatore trova punti di riferimento e segue con agevolezza anche i momenti più intricati. Dal punto di vista timbrico la relazione fisarmonica/sax alto è un altro punto significativo che fa di questo disco una sintesi ricca e originale, che amplia i confini dell'estetica cool senza tradirne i principi base. I risultati sono freschi e innovativi.

Da non perdere.

Track Listing

The Days of Wine and Roses; Alone Together; There Will Never Be Another You; All the Things You Are; Solar; Stella by Starlight; Blues to Monica; Joy Spring.

Personnel

Lanfranco Malaguti: chitarra acustica, chitarre elettriche; Nicola Fazzini: sax (contralto); Romano Todesco: fisarmonica; Luca Colussi: batteria.

Album information

Title: Why Not? | Year Released: 2016 | Record Label: Splasc(H) Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.