All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Kendrick Scott Oracle: We Are the Drum

Enrico Bettinello By

Sign in to view read count
Primo lavoro per la Blue Note per il gruppo Oracle del batterista Kendrick Scott, formazione robusta e flessibile al tempo stesso, grazie alla presenza di musicisti di buon valore come Taylor Eigsti al piano, Mike Moreno alla chitarra, John Ellis alle ance e Joe Sanders al basso.

Un jazz pulito quello del quintetto, prodotto con la consueta cura da Don Was, una musica capace di adattarsi a atmosfere energiche come a altre più soffuse, con temi scritti bene completati da una cover da Flying Lotus (piuttosto presente in questo 2015 nelle vicende di un jazz che cerca di conquistare altre platee, o perlomeno va sbandierando questo) e un brano vocale con Lizz Wright (anche questa cosa che "se non ce la voce non funziona" è un altro dei mantra degli uffici ai piani alti delle case discografiche).

Un disco che a un blindfold test potreste probabilmente retrodatare anche di un 10/15 anni, che si muove a suo agio dentro confini lessicali ormai non solo acquisiti, ma anche plastificati, con qualche eccesso di presenza batteristica -ma forse nemmeno troppa dato che il leader è un drummer -e mai una nota che turbi la prevedibilità del tutto.

Se poi torniamo per un attimo alla cover di Flying Lotus, la celebrata "Never Catch Me" che in origine vede la presenza di un altro Kendrick, Lamar, alla voce, non si può notare un certo effetto "autofàgico," con un pezzo hip-hop costruito su una base chiaramente jazz (non campionata nel caso specifico) che viene riletto in chiave... jazz.

Non che l'esito sia brutto, intendiamoci, così come il disco nel suo complesso, che è più che gradevole, ma tutto sembra autoriferito (il discorso fatto per Flying Lotus può valere, mutatis mutandis anche per "Milton," brano chiaramente ispirato alle atmosfere più jazz/fusion di Milton Nascimento) a un'idea di pratica musicale che si fa forte di avere molte idee chiare e poche domande da sollevare.
Giustamente potreste obiettare che una simile mancanza di "urgenza" è spesso propria anche di proposte che si (auto)qualificano come più avventurose, ma rimane il fatto che il meglio della produzione nuova della Blue Note si attesta sempre dentro un ben prodotto conservatorismo e guarda, al massimo, a un pubblico R&B che tra pochi anni rischia di diventare anonima midde class senza troppa fantasia.

Davvero tutto qui?

Track Listing: We Are The Drum; Make Believe; This Song In Me; Mantra; The Long Shadow; Never Catch Me; Touched By An Angel (For Maya); Milton; Lotus; Synchrony; Touched By An Angel.

Personnel: Kendrick Scott: drums; Taylor Eigsti: piano, Rhodes; Michael Moreno: guitar: John Ellis: saxophones, bass clarinet: Joe Sanders: bass; Lizz Wright: vocals (3).

Title: We Are The Drum | Year Released: 2015 | Record Label: Blue Note Records

About Kendrick Scott
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related