All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Henry Butler, Steven Bernstein and the Hot 9: Viper's Drag

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Cosa unisce la dissacrante verve di Steven Bernstein -estroverso leader dei Sex Mob e animatore di vari progetti con la Tzadik di John Zorn-col virtuosistico pianismo di Henry Butler, fortemente intriso di blues?
Questa rilettura sul primo jazz di New Orleans è una delle risposte. La passione per la tradizione ha accomunato i due artisti già nel 1998, quando presero parte alle musiche del film di Robert Altman Kansas City, e poi nel 2011, quando animarono una reunion celebrativa a New York City per Jelly Roll Morton e Bessie Smith.

La produzione discografica è merito di Joshua Feigenbaum, prestigioso inventore di programmi radiofonici, fondatore della NYNO Records e sostenitore della tradizione musicale del Delta. "Una calda sera dell'agosto 2012 -ricorda questi nelle note -bevevo una birra allo Jazz Standard e ascoltavo Henry e Steven Bernstein nella prima data del loro ingaggio settimanale. Quando suonarono "Viper's Drag" improvvisamente tutto ebbe senso: l'idea, lo stile e il titolo."
Il progetto s'è concretizzato nei mesi successivi, prendendo a modello lo spirito della Millennial Territory Orchestra, guidata da Bernstein negli anni precedenti e formando una band comprendente diversi veterani di quella Orchetra, quali i sassofonisti Peter Apfelbaum, Michael Blake, Erik Lawrence e Doug Wieselman, il trombonista Curtis Fowlkes, il violinista Charlie Burnham, il chitarrista Matt Munisteri e due specialisti della ritmica come Reginald Veal al contrabbasso e Herlin Riley alla batteria.

I brani ripropongono alcuni classici di Fats Waller, Jelly Roll Morton, Andy Gibson ed alcune composizioni dello stesso Butler con arrangiamenti di Steven Bernstein. Il risultato rispetta in pieno le attese, forse troppo.
La musica è ritmicamente esuberante e ricca di pathos, con interventi di tutto rispetto ma dopo l'iniziale trasporto per il frenetico brano d'apertura (un "Viper's Drag" dall'avveniristica introduzione) il repertorio tende a ripetere gli stessi modelli espressivi, provocando un po' di stanchezza.
Nel patchwork affollato di ritmi travolgenti, timbri urlati, contrappunti e qualche dissonanza manca lo spazio per un po' di poesia. Eppure il jazz di New Orleans non ne era affatto privo e tanto lo meno lo sono le performance dal vivo di questa band a cui il produttore sembra aver imposto troppi vincoli in studio di registrazione.

Track Listing: Viper's Drag; Dixie Walker; Buddy Bolden's Blues; Henry's Boogie; Gimmie a Pigfoot; Wolverine Blues; King Porter Stomp; I Left My Baby; Some Iko.

Personnel: Henry Butler: piano, voce; Steven Bernstein: tromba; Curtis Fowlkes: trombone; Charlie Burnham: violino; Doug Wieselman: clarinetti; Peter Apfelbaum: sax tenore, sax soprano; Michael Blake: sax tenore, sax soprano; Erik Lawrence; sax baritono, sax soprano; Matthew Munisteri: chitarra; Reginal Veal: contrabbasso; Herlin Riley: batteria.

Title: Viper's Drag | Year Released: 2016 | Record Label: Impulse!

About Henry Butler
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara