All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Mario Brunello: Violoncello and

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Mario Brunello: Violoncello and
L'etichetta Egea è ormai al quarto CD dedicato al violoncellista Mario Brunello, uno dei più interessanti interpreti italiani di questo strumento e del suo repertorio contemporaneo. Nelle intenzioni dei curatori "Mario Brunello porta con sé un background di collaborazioni con i più grandi personaggi della musica classica, da Abbado a Gergiev, da Pollini a Kremer, ma questa non vuole essere un'apertura dell'etichetta perugina, storicamente votata ad altri generi, alla classica. È la volontà di coinvolgere un artista che indubbiamente arricchisce e qualifica ulteriormente il catalogo dell'etichetta con cui è in assoluta sintonia in merito al ruolo della produzione discografica nel mondo di oggi".

Violoncello and è dei CD fino ad ora editi senz'altro il più complesso per scelte estetiche e di repertorio, poiché i tre pezzi, con modalità diverse, convergono sulla morte/assenza e su un'uso del violoncello fortemente carico sul piano emotivo (ma questa è d'altronde anche prerogativa di Brunello).

Il CD raccoglie il "Requiem" per violoncello e coro (Schola Gregoriana del Monastero di Bose) di Peter Sculthorpe, un "Concerto Rotondo" per violoncello ed electronics (Michael Seberich) di Giovanni Sollima e i "Funerali di Carlo Magno" per violoncello e percussioni (Maurizio Ben Omar) di Giacinto Scelsi.

Il "Requiem" di Sculthorpe non sarebbe tale senza Bose, senza la sua Schola Gregoriana e senza la sua archiettura d'essenza/assenza. Le fotografie di Giafranco Baggio riprodotte nel CD rappresentano quanto di più lontano vi sia dall'interpretazione del requiem, da Bose, dal legno del violoncello e sono al contrario archittettura industriale abbandonata, spoglia, sporca, completamente desertificata. Una guida d'ascolto.

Intrigante il "Concerto Rotondo" di Sollima per violoncello ed electronics, scritto da un violoncellista di cui sarà bene parlare prima poi data l'ecletticità. I due movimenti "Allegro" sono i più suggestivi, il primo per ritmo, il secondo per "cadenzato" crescendo emotivo.

I "Funerali di Carlo Magno" [inclusi anche dalla Stradivarius nel primo vol. della "Scelsi collection"] rappresentano tra tutti il pezzo più attuale: tagliente, ottenebrato dal dolore, noir. Maurizio Ben Omar è, per me, il miglior solista ad accompagnare un Brunello sfigurato dalla storia, il che dimostra che Scelsi è capace di tutto!

"Cos'è il tempo per un musicista?," "Il tempo è un momento preciso nel quale si sta vivendo... Come le due ali di un areo: io sono la carlinga e il tempo sono l'ala sinistra, il passato, e l'ala destra, il futuro. Sono due cose che servono per poter stare per aria e per poter volare. Non riesco a pensarlo come un programma o come un archivio".

Consiglio di vedere i video di Brunello su youtube...

Track Listing

01.-06. “Requiem” per violoncello e coro - Peter Sculthorpe; 07.-10. “Concerto Rotondo” per violoncello ed electronics - Giovanni Sollima; 11. “Funerali di Carlo Magno” per violoncello e percussioni di Giacinto Scelsi.

Personnel

Mario Brunello (violoncello); Schola Gregoriana del Monastero di Bose (coro); Michael Seberich (electronics); Maurizio Ben Omar (percussioni)

Album information

Title: Violoncello and | Year Released: 2010 | Record Label: Egea Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Transformation
Glenn Close/Ted Nash
Special Edition: Procedural Language
Ivo Perelman & Matthew Shipp
Ever Since The World Ended
Lauren White and the Quinn Johnson Trio
Rah! Rah!
Claire Daly
Summer Water
Scott DuBois
Nox
Nate Wooley / Liudas Mockunas / Barry Guy /...
Phoenix
Vasko Atanasovski

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.