All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

KonstruKt with Marshall Allen: Vibrations of the Day

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
KonstruKt with Marshall Allen: Vibrations of the Day
Ormai è ufficiale: sulla mappa dell'avant-jazz contemporaneo è segnata anche Istanbul. Grazie all'instancabile opera del chitarrista Umut Çaglar e dell'etichetta re:konstruKt, nella capitale turca, dal 2008, si agita e scalcia un agguerrito manipolo di improvvisatori. Una scena? Più che altro un collettivo dai confini molto labili, attorno al quale gravitano una trentina di indigeni e numerosi adepti sparsi per il mondo. Che ci fa un collettivo avant-jazz a Istanbul? Scherzi della globalizzazione, quella buona, che è sinonimo di idee che circolano come segnali radio, captate dalle menti aperte disseminate per il pianeta e trasformate in nuove realtà.

A proposito di idee, ottima quella di incrociare gli strumenti con il leggendario Marshall Allen, 87 candeline spente il 25 maggio scorso, un'intera esistenza consacrata all'Arkestra: prima come contraltista, poi come direttore-erede di Sun Ra. Con lui, il 30 settembre 2010 in uno studio di Istanbul, sei jazzisti turchi, capitanati da Çaglar e riuniti sotto il vessillo KonstruKt.

Ovviamente il meeting non poteva che essere all'insegna della totale e libera improvvisazione, senza rete, senza filo e senza sponde. Nei settanta e passa minuti di Vibrations of the Day ci si muove tra passaggi psichedelici sfrigolanti di elettronica, improvvise accensioni ritmiche innescate dallo stuolo di batterie e percussioni, violente deflagrazioni di volume, agganci al Coltrane di Ascension e al Sun Ra delle suite anni Sessanta, quello di Atlantis, Strange Strings e The Magic City, tanto per intenderci.

Per fortuna, rispetto al Sun Ra citato poc'anzi, si è deciso in fase di post-produzione di evitare l'indigesto "monolite" e spezzettare in nove tracce il meglio della session. Risultato: maggiore godibilità e maggiore incisività, entrambe esaltate da una ricchezza di dettagli che la recente esibizione al festival di Saalfelden non ha saputo nemmeno lontanamente restituire.

Godimento nel godimento, l'acidulo contralto di Allen. Ascoltatelo in "Milky Way," chiudete gli occhi e ripetete con me: space is the place, space is the place, space is the place...

Track Listing

1. Through the Asteroids - 6:31; 2. Space Jungle - 8:47; 3. Milkyway - 6:03; 4. March of the Aliens - 11:01; 5. Supernova - 7:01; 6. The Emperor - 3:52; 7. Sunflower - 8:58; 8. Neptune - 10:13; 9. Spirits - 7:54.

Personnel

Marshall Allen (sax contralto); Korhan Futaci (sax tenore e soprano, voce); Umut Çaglar (chitarra elettrica, guitar synth); Barlas Tan Özemek (chitarra elettrica); Hüseyin Ertunç (percussioni, batteria, vibrafono, flauto); Özün Usta (percussioni, batteria, vibrafono); Korhan Argüden (batteria).

Album information

Title: Vibrations of the Day | Year Released: 2011 | Record Label: Bubble Lounge

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Live in Hawaii
Doug MacDonald
Lost in a Dream
Kristin Callahan
The Painter
Tobias Meinhart
Strollin'
Monaco, Meurkens, Hoyson, Lucas
Aufbruch
J. Peter Schwalm / Markus Reuter
Cool With That
East Axis

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.