All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Jason Adasiewicz's Rolldown: Varmint

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Andrew Hill e l'Eric Dolphy di Out Lunch sono i poli d'attrazione di questo quintetto chicagoano, che cavalca l'onda della sperimentazione degli anni '60. Alla base c'è il tentativo di evitare i clichè del mainstream, finendo però con il riproporre quelli dell'estetica presa a modello.

Varmint rappresenta un disco emblematico per riassumere pregi e difetti del jazz contemporaneo: impeccabile e solido, camaleontico e policentrico. Grande professionalità ed abilità tecnica, capace di generare curiosità e tensione emotiva nell'ascoltatore. In bilico tra tradizione e modernità, il percorso proposto è quanto mai stratificato, rivolto a mettere in evidenza non le idee ma timbriche e colori. Un disco superbamente suonato, ma che non di segue strade nuove ed inaspettate che possano proiettare la tradizione verso forme e significati diversi.

Belle, in compenso, le composizioni originali del leader, con un andamento scuro, ipnotico e nervosamente pulsante. Una musica d'effetto, ricca di sequenze corali, dove si impone il suono caldo e robusto di Adasiewicz, con un fraseggio secco e rutilante ora frastagliato e nervoso ("Green Grass") ora lirico e meditabondo ("I Hope She Is Awake").All'opera troviamo una formazione scintillante e ben assortita ma che potrebbe dare molto di più rispetto al sincretismo strumental-culturale da essa perseguito.

Track Listing: Green Grass; Varmint; Dagger; Hide; I Hope She is Awake; Punchbug; The Griots.

Personnel: Jason Adasiewicz: vibraphone; Josh Berman: cornet; Aram Shelton: alto saxophone, clarinet; Jason Roebke: bass; Frank Rosaly: drums.

Title: Varmint | Year Released: 2010 | Record Label: Cuneiform Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles