All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Uri Caine Plays Verdi

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Uri Caine Plays Verdi
Festival Verdi
Teatro Farnese
Parma
29-30.10.2016

Cronaca di un evento che ha lasciato un po' di amaro in bocca. La presenza del jazz nei circuiti della musica classica non è certo una novità. Anche recentemente c'è stata più di un'occasione per sondare le ragioni e gli esiti di tali incroci estetici e dei relativi sconfinamenti organizzativi. Sta di fatto, però, che talvolta ci si trova di fronte ad operazioni un po' occasionali, messe a punto senza la dovuta motivazione e puntigliosità. È stato il caso della presentazione di un programma verdiano da parte dell'Uri Caine Ensemble a chiusura del Festival Verdi, protrattosi per l'intero mese di ottobre.

Innanzi tutto l'allestimento per la sezione di concerti tenutasi al Teatro Farnese, eretto a cominciare dal 1618 su progetto di Giovan Battista Aleotti e poi ricostruito dopo i danneggiamenti subiti nella seconda Guerra Mondiale, prevedeva un ribaltamento della prospettiva e dei ruoli fra pubblico e interpreti. Vale a dire che per l'occasione una gradinata con poltroncine rosse è stata montata partendo dalla platea e spingendosi in profondità all'interno del palcoscenico, mentre gli esecutori venivano ospitati dall'originaria platea con alle spalle il coronamento del porticato su due ordini a fare da nobile sfondo. Non si tratta per il Farnese di un espediente nuovo e probabilmente risponde a precise esigenze, ma sicuramente, almeno nel concerto in oggetto, l'acustica non ne ha tratto beneficio. Essendo tutto il complesso costruito in legno, non si sono verificati problemi di riverbero, ma anzi, pur ricorrendo ad una bassissima amplificazione, il suono è risultato molto "magro," distante, ovattato. Che sia dipeso anche dal fatto che il pubblico non riempiva il teatro?

In secondo luogo è stato carente l'aspetto dell'informazione: non era in distribuzione nessun tipo di programma di sala che fornisse chiarimenti sull'origine del progetto, sulla formazione in scena e sul repertorio. Assai difficile quindi è stato individuare le pagine verdiane, se si escludono alcuni riconoscibili spunti tematici nella parte finale, distinguendole dagli eventuali original scritti da Caine per l'occasione. Il che ha poche giustificazioni considerato che l'improvvisazione ha avuto un peso relativo e che l'indispensabile elaborazione da parte dell'autore si è tradotta in partiture distribuite a collaboratori non abituali, quali i membri del quintetto d'archi di formazione classica, composto da strumentisti italiani. Quello che si è potuto rilevare è stato soprattutto un articolato intreccio, una sovrapposizione o un alternarsi fra le parti del trio jazz, completato da Mark Helias e Jim Black, e quelle appunto del quintetto d'archi.

In definitiva non è emerso lo spirito della musica verdiana, ma non si è propeso nemmeno per un'impronta spiccatamente jazzistica; si è privilegiata invece una dimensione cameristica un po' accademica e uniforme, senza una particolare verve, se si esclude qualche brioso sussulto di Jim Black, alcuni brevi interventi di raccordo da parte del leader e il pregevole raddoppio dei contrabbassi (Helias e Rino Braia). Inoltre in qualche frangente l'uso del violino può aver fatto balenare una reminiscenza ebraica, ricordando vagamente Wagner e Venezia. Un po' poco per un progetto ambizioso, presentato in esclusiva da un festival di prestigio.

Foto: Roberto Ricci

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Mark Sullivan
May 16, 2019
Live Reviews
Nubya Garcia at Cathedral Quarter Arts Festival 2019
By Ian Patterson
May 16, 2019
Live Reviews
Electronic Explorations in Afro-Cuban and UK Jazz
By Chris May
May 15, 2019
Live Reviews
Charlotte Jazz Festival 2019
By Perry Tannenbaum
May 13, 2019
Live Reviews
Savannah Music Festival 2019
By Martin Longley
May 12, 2019
Live Reviews
Eyolf Dale at April Jazz
By Anthony Shaw
May 10, 2019
Live Reviews
Imogen Heap with guy Sigsworth at Lincoln Theatre
By Geno Thackara
May 10, 2019