All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Thomas Marriott: Urban Folklore

Stefano Merighi By

Sign in to view read count
Il quartetto di Thomas Marriott in questione rappresenta una bella sintesi del jazz americano: Marriott da Seattle, Eric Revis californiano, Orrin Evans erede della scuola di Philadelphia, infine Donald Edwards da New Orleans. Ma le origini non condizionano più di tanto una musica ecumenica, che vive sulla brillantezza tecnica, su un "esperanto" jazzistico che, se poco ha da dire di nuovo, conferma una saggezza di pensiero e una piacevolezza d'ascolto indubitabili.

Thomas Marriott ha vissuto un decennio a New York, assorbendo una padronanza del suo strumento che lo avvicina alla scuola hard bop storica ma che non gli impedisce di indagare qualche forma più aperta. Le sue composizioni vogliono esternare un sentimento, una situazione (la nascita della figlia, uno spleen esistenziale, una dedica amicale..) e si apprezzano per le sequenze di sviluppo improvvisativo più che per gli scheletri tematici, in verità un po' deboli. "Apophis" e "The Tale of Debauchery" viaggiano tra narrazioni di swing moderno e un funk un po' risaputo, con tracce di coltranismi dovuti più che altro a certa filiazione del pianismo di Orrin Evans da quello di McCoy Tyner.

Un'emozione arriva da "Room 547," l'episodio più ricercato, che evoca Miles prima che Revis offra il suo suono sontuoso e Evans emerga anche come pianista originale, intelligente. Il resto dell'album si affida a riff e temi piuttosto semplici, con l'eccezione di "Living on the Minimum," costruita su un "turnaround" di sapore blues, con intensi scambi della sezione ritmica e interventi solistici di ottima fattura. La virtù del quartetto risiede nella capacità dei singoli di captare intuitivamente le evoluzioni di ciascuno, di interagire con velocità e gusto, di non cedere mai alla voglia di primeggiare. Merito di Marriott questo, specie in qualità di leader.

Track Listing: Apophis; The Tale of Debauchery; Room 545; Mo-Joe; What Emptiness Can Do; Locked Up; Living on the Minimum; I'm Vibing You; Washington Generals.

Personnel: Thomas Marriott: tromba; Orrin Evans: piano; Eric Revis: contrabbasso; Donald Edwards: batteria.

Title: Urban Folklore | Year Released: 2015 | Record Label: Origin Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Forgiveness

Forgiveness

Thomas Marriott
Romance Language

Yakima

Yakima

Thomas Marriott
Human Spirit

Diagram

Diagram

Thomas Marriott
Constraints & Liberations

Pelham Gardens

Pelham Gardens

Thomas Marriott
East-West Trumpet Summit

Circadian Rhythms

Circadian Rhythms

Thomas Marriott
Flexicon

Sing We Now of Christmas

Sing We Now of Christmas

Thomas Marriott
The Cool Season

Both Sides Of The Fence

Both Sides Of The Fence

Thomas Marriott
Both Sides Of The Fence

Album Reviews
Interviews
Jazz Near Me
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Read more articles
The Cool Season

The Cool Season

Origin Records
2019

buy
Romance Language

Romance Language

Origin Records
2018

buy
Urban Folklore

Urban Folklore

Origin Records
2015

buy
Return of the East-West Trumpet Summit

Return of the...

Origin Records
2015

buy
Urban Folklore

Urban Folklore

Origin Records
2014

buy
Constraints & Liberations

Constraints &...

Origin Records
2011

buy

Related Articles

Read LP1 Album Reviews
LP1
By Dan Bilawsky
June 17, 2019
Read The Garden Of Earthly Delights Album Reviews
The Garden Of Earthly Delights
By Friedrich Kunzmann
June 17, 2019
Read Groove Machine Album Reviews
Groove Machine
By Don Phipps
June 17, 2019
Read Life in the Modern World Album Reviews
Life in the Modern World
By Nicholas F. Mondello
June 17, 2019
Read Live at I.C.U.U. Album Reviews
Live at I.C.U.U.
By Karl Ackermann
June 16, 2019
Read 789 Miles Album Reviews
789 Miles
By David A. Orthmann
June 16, 2019
Read Follow Me Album Reviews
Follow Me
By Roger Farbey
June 16, 2019