All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Daniele D'Agaro - Mauro Ottolini - Simone Zanchini: Up & Down

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Daniele D'Agaro - Mauro Ottolini - Simone Zanchini: Up & Down
Bisogna constatare che una delle tendenze trasversali più significative emerse negli ultimi decenni è quella che intende rivisitare la tradizione pre-bebop con la sensibilità di oggi, secondo le esigenze e gli smaliziati strumenti di musicisti che hanno da tempo metabolizzato la sperimentazione dell'avanguardia. In un inscindibile incrocio fra passato e presente e senza i limiti puristi e reverenziali propri dei fenomeni revival, le esperienze in tal senso sono svariate e stimolanti in tutto il mondo: dalle fondamentali opere di Don Byron intorno alla metà degli anni Novanta fino al più recente Aki Takase's New Blues Project, per citare solo i casi più emblematici.

Di questa tendenza Up & Down, una delle sorprese discografiche del 2012, rappresenta la più tipica espressione italiana. Ciascun componente del trio, ben congegnato e affiatatissimo, porta al contesto una propria idea di tradizione jazzistica, appresa e maturata in decenni di pratica sul campo. D'Agaro ha respirato e approfondito quel tipo di approccio in Olanda, suonando con musicisti come Han Bennink, Tobias Delius, Sean Bergin, Benny Bailey, e riportando alla luce spartiti inediti di Don Byas. Zanchini invece si è avvicinato a quelle forme del jazz delle origini e dello Swing partendo dallo spirito e dalle cadenze della tradizione popolare romagnola. Ottolini infine è naturalmente orientato verso quell'esuberanza jazzistica per via degli stessi strumenti che suona, della sua propensione per un arrangiamento pimpante e bluesy e della dichiarata passione per il jazz degli anni Venti e Trenta, come confermato anche dal doppio Bix Factor.

Sta di fatto che le tre estroverse personalità, con la loro tecnica di sfrenato virtuosismo, si compenetrano perfettamente e producono una musica estremamente vivace e coerente, carica di verve e ironia. A parte le notevoli reinterpretazioni dei tre brani di Ellington e di "Art Deco" di Don Cherry, gli altri brani sono originals, che perlustrano umori e situazioni diverse. Al prevalere di motivi dinamici e movimentati di alta valenza melodica, ora saltellanti e briosi ora velati di nostalgia, fanno riscontro per esempio momenti di un'ampiezza liturgica e aulica, dimensione questa con cui ognuno dei tre ha dimestichezza avendola praticata in altri contesti.

"Cagliostro," di Zanchini, si ispira presumibilmente alle alchimie esoteriche del controverso personaggio morto nell'agosto 1795 nella Rocca di San Leo, dove era stato imprigionato oltre quattro anni prima: il verso della civetta e i fumi degli alambicchi sembrano accompagnare biascicate formule magiche. In "If I'd Go to Heaven Before You Do" invece, a firma di Ottolini che in questo caso suona la tromba bassa, sembra inaspettatamente di ravvisare uno di quei canti religiosi sardi, dall'incedere austero a malinconico, a cui ci ha abituati la struggente tromba di Paolo Fresu.

Ogni brano costituisce una sorpresa, un intelligente e imprevedibile percorso attraverso i risvolti dell'espressione più comunicativa e più piena, donando una gioiosa e tonificante esperienza d'ascolto. Qualcuno potrebbe sostenere che, rispetto a più elaborate e originali operazioni di sintesi fra tradizione e avanguardia, l'atteggiamento e i risultati del trio italiano sono un po' troppo espliciti e ruspanti, di una comunicativa immediata e quasi naif. Può essere vero, ma proprio per questi connotati la loro cifra stilistica diventa fortemente caratterizzata, tipicamente italiana (anzi nord italiana e ben poco mediterranea), di un'esuberanza coinvolgente, distinguendosi perciò nettamente da analoghe esperienze straniere.

Track Listing

1. Doin’ the Voom Voom; 2. Black and Tan Fantasy; 3. Franco Castel; 4. Matti Pellonpää; 5. Pi greco; 6. Art Deco; 7. Kalippos; 8. If I’d Go to Heven Before You Do; 9. Up & Down; 10. Cagliostro; 11. Bashaw Blues.

Personnel

Daniele D’Agaro (sax tenore, clarinetto); Mauro Ottolini (trombone, tromba bassa, flicorno tenore e soprano, conchiglie); Simone Zanchini (fisarmonica, elettronica).

Album information

Title: Up & Down | Year Released: 2013 | Record Label: Luminescence Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read 25 Years
25 Years
Edward Simon
Read Splatter
Splatter
Roscoe Mitchell
Read Then Now
Then Now
Matthew Shipp / Rob Brown
Read Free Hoops
Free Hoops
Sylvie Courvoisier Trio
Read A Walk in the Park
A Walk in the Park
Jerry Cook Quartet +
Read New Aurora
New Aurora
Michael Sarian

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.