All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

John Chin: Undercover

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
John Chin: Undercover
Nato in Corea quasi quarant'anni fa, cresciuto a Los Angeles e dal 1998 operante a New York, John Chin pubblica il secondo disco documentando il suo trio del 2010 con una registrazione a cui teneva molto: galvanizzata da una serie di concerti, la formazione ha inciso di getto usando lo studio come un club, senza prove, né uso di cuffie e successivi lavori di editing.
Dopo una formazione classica iniziata a 4 anni, il pianista ha iniziato a studiare jazz alla California State University, in un particolare programma pensato per gli adolescenti più dotati. Laureatosi a 19 anni ha poi conseguito un master alla Rutgers University sotto la guida di Kenny Barron e un ulteriore diploma alla Juilliard School. Ha poi collaborato con nomi di primo piano (Ron Carter, Benny Golson, Jaimeo Brown, Mark Turner) ed è giunto a un'età matura restando tra i tanti, ottimi, pianisti della Big Apple.

Com'è facilmente intuibile dal suo curriculum, John Chin evidenzia una tecnica scintillante e nel percorso del disco mostra ottime doti d'improvvisatore con piena padronanza dell'estetica pianistica contemporanea.
Il suo è uno stile sfaccettato dove si confrontano varie componenti, a cavallo fra tradizione e contemporaneità. Abbiamo l'incalzante solista di taglio straight-ahead che spicca con un acceso drive in "Countdown"; il raffinato esecutore di trasparenti ballad ("Seemingly"); il pianista neo-romantico dalla chiara sensibilità cameristica ("Smile"), quello influenzato dalle tendenze post Mehldau ("If For Noone," "Fall").

Il trio evidenzia un buon interplay anche se i bilanciamenti tra gli strumenti non appaiono sempre appropriati. Il suo leader si conferma un artista apprezzabile, che non tradisce le positive impressioni suscitate dal disco d'esordio, Blackout Conception.

Track Listing

Edda; Caravan; Undercover; Smile; If For Noone; Fall; Seemingly; Countdown.

Personnel

John Chin: pianoforte; Orlando Le Fleming: contrabbasso; Dan Rieser: batteria.

Album information

Title: Undercover | Year Released: 2015 | Record Label: Brooklyn Jazz Underground Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop Amazon

More

Read Speak Low II
Speak Low II
Lucia Cadotsch
Read Time OutTakes
Time OutTakes
The Dave Brubeck Quartet
Read Have Yourself A Merry Little Christmas
Have Yourself A Merry Little Christmas
Steve Masakowski and the Masakowski Family

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.