All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Pat Martino Quartet: Undeniable: Live at Blues Alley

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Da Pat Martino ci si attende qualcosa di preciso: la riproposizione d'una formula collaudata, che tuttavia trascina ancora.

Se l'ascoltatore ricerca una conferma, non rimarrà sorpreso, né soprattutto deluso da Undeniable.

I quattro musicisti conoscono bene la lingua in cui s'esprimono: quella propria delle formazioni con organo e chitarra (e senza contrabbasso). Una lingua la cui grammatica Pat Martino ha contribuito a scrivere, collaborando negli anni '60 con un gran numero di organisti: in primis Jimmy Smith, che insieme a Wes Montgomery creò il Dynamic Duo e le sue varie estensioni, che di quella lingua sono l'espressione più ricordata.

Dei sette brani di Undeniable, sei sono composizioni di Martino. Il settimo è uno standard: quella "'Round Midnight" che è stata l'imprescindibile marchio di fabbrica del repertorio del Dynamic Duo e di innumerevoli chitarristi, tra cui lo stesso Martino.

Tutta l'attenzione del gruppo si rivolge, evidentemente, all'improvvisazione. Non c'è molto spazio per l'arrangiamento. Ciò non significa che i brani siano sciatti. Al contrario, i temi sono essenziali e lanciano perfettamente i solisti. In pratica, assolvono alla funzione che il bop ha assegnato loro.

I soli, tutti, sono costruiti con sapienza e una buona dose di malizia: sempre, rigorosamente, in crescendo, sino a raggiungere il climax, l'urlo d'approvazione del pubblico che il gruppo incontra immancabilmente, a scandire l'avvicendarsi dei musicisti.

Non ci sono assoli di batteria, ma la presenza ritmica di Jeff "Tain" Watts è non di meno notevole, sostenuta dalla mano sinistra di Tony Monaco, che swinga instancabilmente dall'inizio alla fine del disco.

Martino agisce indubbiamente da leader. Si prende spazio, più di quello che riserva agli altri . Dimostra -se mai ce ne fosse bisogno- di cosa è fatto il suo stile: frammenti melodici ripetuti per interi chorus, che ancora mandano in visibilio il pubblico, rapidità d'esecuzione, anche se la mano è fisiologicamente più rigida (solo un poco, però) di qualche anno fa, frasi a ottave di montgomeriana memoria. In "'Round Midnight," invece, si può ascoltare quanto il chitarrista abbia indagato il proprio suono, conferendogli una profondità che la ballad esalta notevolmente.

Anche Tony Monaco ha codificato ormai il suo modo d'esprimersi, che deve molto al pianismo di George Shearing e ai suoni del suo mentore Jimmy Smith, ciò che egli stesso dichiara apertamente. La sua collaborazione con Martino dura da qualche anno. Tra le molte affinità poetiche che accomunano i due, la più forte è la profonda condivisione del blues, dal cui senso i loro soli sono sospinti e nutriti.

Parzialmente diverso è il discorso su Eric Alexander. Legato allo swing meno di Martino e Monaco, suona moltissimo. Talvolta sembra a corto di idee, talvolta illumina i brani di un'espressività inattesa, come quando comincia a graffiare le note, alla maniera di un sassofonista R&B.

Undeniable non è il miglior disco di Martino. Non è nemmeno il migliore del suo ultimo periodo. E,' però, un live viscerale, che si aggiunge ai già tanti della sua discografia.

Probabilmente a far da propulsore alla sua enorme produzione dal vivo è ancora - si dirà cosa banale - la sua voglia di divertirsi a suonare la chitarra e far divertire il pubblico. E il pubblico si diverte. Grida e applaude. Tutto il calore del jazz club si sente in questa registrazione. Questo incontro di intenti e aspettative "dai due lati del palco" è quanto di più bello questo disco restituisce.

Track Listing: 1. Lean Years 07:36; 2. Inside Out 08:31; 3. Goin' to a Meeting 09:59; 4. Double Play 08:02; 5. Midnight Special 08:44; 6. 'Round Midnight (T. Monk) 07:51; 7. Side Effect 08:09. Tutti i brani, ad eccezione di "'Round Midnight", sono di Pat Martino.

Personnel: Pat Martino (chitarra); Eric Alexander (sax tenore); Tony Monaco (organo Hammond); Jeff "Tain" Watts (batteria).

Title: Undeniable: Live at Blues Alley | Year Released: 2012 | Record Label: HighNote Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Upcoming Shows

Date Detail Price
Jun1Sat
Pat Martino Trio
Blues Alley
Washington, DC
Jun1Sat
Pat Martino Trio
Blues Alley
Washington, DC
Jun2Sun
Pat Martino Trio
Blues Alley
Washington, DC
Jun2Sun
Pat Martino Trio
Blues Alley
Washington, DC

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019