0

Umbria Jazz 2017

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Umbria Jazz
Perugia
Varie sedi
7-16.7.2017

Mantenendosi fedele alla sua consolidata formula, Umbria Jazz si è protratta per dieci giorni su vari palcoscenici, con concerti gratuiti e a pagamento, cercando di adeguare stili e proposte differenti ai diversi contesti interessati e rivolgendosi quindi a diverse fasce di pubblico. In particolare, la programmazione all'Arena Santa Giuliana ha dimostrato una realtà prevedibile: con i soli esponenti del jazz, a meno che non si invitino quelle poche star ben note, l'Arena non solo non si riempie ma appare quasi vuota. In un contenitore di cinquemila posti a sedere e ancor più in piedi, duemila persone (che per il jazz è un traguardo difficilmente raggiungibile) sembrano perdersi. C'è da dire comunque che su altri palcoscenici italiani gli stessi nomi richiamerebbero di certo un pubblico inferiore.

L'appuntamento jazzistico più atteso, che ha registrato 2300 presenze, era il progetto sinfonico di Wayne Shorter, non nuovo a lavori di questa ampiezza. La serata è iniziata col quartetto, che il carismatico leader ha un modo tutto suo di condurre, astratto e perifrastico, lasciando ai colleghi la responsabilità d'intessere un tessuto aperto, dal senso dinamico molto mobile. Sono stati Perez e Patitucci fra l'altro a inserire qua e là le citazioni dei temi, anche storici degli anni Sessanta, mentre Blade ha creato gli irresistibili crescendo di tensione. Il tenore di Shorter è intervenuto in questo contesto con frasi isolate, frammentate e divaganti. Si tratta di musica improvvisata, ma alla fine si è compreso un disegno compositivo che sovrintende un interplay serratissimo, collaudato da oltre quindici anni di esperienza comune.
Senza frapporre un intervallo è entrata in scena l'Orchestra da camera di Perugia, che, sotto la direzione di Clark Rundell e assieme al quartetto, ha eseguito con piglio encomiabile "Emanon"; la composizione, già su disco Blue Note, è ispirata dalla passione di Shorter per la fantascienza e la mitologia. La partitura ha dato corpo a una musica ampia, epica, con una componente melodica netta ed enfatica; una musica tipicamente americana, a metà strada fra certi precedenti di Aaron Copland e di Leonard Bernstein. Con un'integrazione molto coerente si sono incastonate come gemme le parti per quartetto e sono stati questi i momenti più memorabili del concerto, esagitati e densi, con un Blade perentorio e il soprano tagliente del leader. È probabile che in questa complessa impresa Shorter sia stato coadiuvato da "ghost composers," ma ne è venuto un risultato organico e potente.

Insolita e intrigante la serata dedicata alle donne. Un settetto di jazziste di varie provenienze e venute alla ribalta soprattutto nell'ultimo decennio ha messo in evidenza l'autorevolezza del fraseggio pianistico di Renee Rosnes, le escursioni crepitanti e sdrucciolevoli della tromba di Ingrid Jensen, la pronuncia e la costruzione neo-cool della tenorista Melissa Aldana, l'impeccabile tecnica e inventiva batteristica di Allison Miller e la sicurezza del pizzicato rotondo della contrabbassista Noriko Ueda. Su tutte hanno spiccato Cecile McLorin Salvant e Anat Cohen: la cantante per le coraggiose deformazioni armoniche, la varietà delle inflessioni su tutti i registri e il sapiente timing, mentre la fantasia spiritata della clarinettista è emersa soprattutto in una immaginifica versione di "Jitterbug Waltz." Tutte bravissime, anche se rispetto agli arrangiamenti dei collettivi, piuttosto deboli e risaputi, ha prevalso la sfilata dimostrativa delle singole individualità.

Dopo l'intervallo è salita sul palco Dee Dee Bridgewater, che ventitreenne già nel 1973 partecipò alla prima edizione di Umbria Jazz come cantante dell'orchestra di Thad Jones e Mel Lewis. La cantante, che nella sua carriera ha affrontato i repertori più vari, è voluta tornare alla tradizione nero americana di cui fece bagaglio nella sua gioventù. Un excursus di successi del R&B degli anni Sessanta, oggetto di un CD di prossima uscita, è stato aggredito col suo piglio determinato di sempre e con una voce un po' inscurita, alternandolo con declamatori sermoni per ricordare le condizioni sociali dei neri nell'America di quegli anni.

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read The Songs of Scott Walker (1967-70) at Royal Albert Hall Live Reviews The Songs of Scott Walker (1967-70) at Royal Albert Hall
by John Eyles
Published: August 19, 2017
Read Bryan Ferry at the Paramount Theater Live Reviews Bryan Ferry at the Paramount Theater
by Geoff Anderson
Published: August 19, 2017
Read Newport Jazz Festival 2017 Live Reviews Newport Jazz Festival 2017
by Timothy J. O'Keefe
Published: August 18, 2017
Read FORQ at The World Cafe Live Live Reviews FORQ at The World Cafe Live
by Mike Jacobs
Published: August 18, 2017
Read Mat Maneri and Tanya Kalmanovitch at Korzo Live Reviews Mat Maneri and Tanya Kalmanovitch at Korzo
by Tyran Grillo
Published: August 18, 2017
Read Kongsberg Jazz Festival 2017 Live Reviews Kongsberg Jazz Festival 2017
by Henning Bolte
Published: August 17, 2017
Read "Jon Cleary at The Ardmore Music Hall" Live Reviews Jon Cleary at The Ardmore Music Hall
by Mike Jacobs
Published: September 25, 2016
Read "Ian Shaw With The Phil Ware Trio at The Workmans Club" Live Reviews Ian Shaw With The Phil Ware Trio at The Workmans Club
by Ian Patterson
Published: January 28, 2017
Read "Quinsin Nachoff's Flux at Constellation" Live Reviews Quinsin Nachoff's Flux at Constellation
by Hrayr Attarian
Published: November 22, 2016
Read "Hermeto Pascoal at SFJAZZ" Live Reviews Hermeto Pascoal at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: April 21, 2017
Read "Mike Westbrook at Bury St. Edmunds Festival" Live Reviews Mike Westbrook at Bury St. Edmunds Festival
by Duncan Heining
Published: June 14, 2017

Sponsor: JANA PROJECT | LEARN MORE  

Support our sponsor

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.