All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Fabrizio Bosso & Flavio Boltro Quintet: Trumpet Legacy

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Nella foto interna al booklet sono ritratti uno di fianco all’altro: Luca Bulgarelli (contrabbasso alla mano), Lorenzo Tucci (un simbolico rullante sotto il braccio), Flavio Boltro e Fabrizio Bosso (trombe al seguito), e Luca Mannutza. Per lui, pianista, non c’è soluzione: non poteva certamente caricarsi il piano sulla schiena. Per capire cosa suoni, il libretto è di nessuna utilità. Tutto in giapponese, senza alcuna traduzione, non si capisce niente.

Si tratta del seguito di Rome After Midnight, intitolato Trumpet Legacy e prodotto da Sergio Veschi per l’etichetta nipponica Sound Hills. Due tra i migliori trombettisti italiani ed europei, una ritmica solida e incalzante, un pianista fine (ma energico), ed una tracklist di 11 brani, in maggioranza standard.

Ai giapponesi, i jazzisti italiani vanno a genio, e non da ora. Non cercano prodotti troppo particolari, sperimentali, di ricerca. Corrono dietro ai boppers migliori, quelli con una enorme padronanza del linguaggio (dalla mainstream alle più moderne evoluzioni), e con una grinta evindente. E loro, i nostri fiori all’occhiello, non li deludono: mettono in mostra i muscoli fin dall’inizio, con una “Moontrane” suonata al cardiopalmo.

Il disco prosegue con la splendida partitura firmata da Bosso, “Woman’s Glance”, incisa per la prima volta - e in una versione forse più accattivante - nel suo CD Fast Flight.

“Big Butter and Eggman”, di Louis Armstrong, è un medium dai suoni morbidi e concilianti, senza alcuna forzatura. “Whoopin’ Blues”, arrangiata da Bosso, mette in luce le abilità del trombettista anche come formidabile arrangiatore di brani tradizionali. Su una variazione del classico “tres-dos”, la band riesce a condire il tutto con un pizzico di pepe, regalando all’ascoltatore un sapore diverso, in un punto strategico della scaletta.

Ma è soltanto con il brano di Boltro, “First Smile - Jazz a Doc”, e con quello di Ron Carter “Eighty One”, che si coglie qualche anelito di ricerca musicale.

Un bel disco: mantiene tutto ciò che promette. E forse è questa l’unica pecca, quella di mancare, in un certo qual modo, di imprevedibilità.

Track Listing: 01. Moontrane (Woody Shaw); 02. Woman's Glance (Bosso); 03. Daahoud (Clifford Brown); 04. Little Sunflower (Freddie Hubbard); 05. Delfeayo’s Dilemma (Wynton Marsalis); 06. Everything Happens to Me (Matt Dennis); 07. Big Butter and Eggman (Louis Armstrong); 08. Whoopin’ Blues (Traditional. Arr. Bosso); 09. Lotus Blossom (Kenny Dorham); 10. First Smile - Jazz a Doc (Boltro); 11. Eighty One (Ron Carter)

Personnel: Fabrizio Bosso (tromba); Flavio Boltro (tromba); Luca Mannutza (piano); Luca Bulgarelli (contrabbasso); Lorenzo Tucci (batteria)

Title: Trumpet Legacy | Year Released: 2006 | Record Label: Wire Walker

About Fabrizio Bosso
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan
Read Roma
Roma
By Mike Jurkovic
Read e-motion
e-motion
By Nicholas F. Mondello
Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann
Read Sounds of 3 Edition 2
Sounds of 3 Edition 2
By Geno Thackara