All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Miles Okazaki: Trickster

Nicola Negri By

Sign in to view read count
Semplicità e immediatezza sono spesso gli elementi principali di un progetto ben riuscito. Altre volte, la complessità della ricerca teorica più rigorosa serve a illustrare una precisa visione musicale. I dischi che riescono a coniugare in maniera convincente questi aspetti sono rari, e Trickster è uno di questi.

Il chitarrista Miles Okazaki, membro stabile dei Five Elements di Steve Coleman, ha reclutato per questo progetto il bassista Anthony Tidd e il batterista Sean Rickman, altri due veterani dei gruppi di Coleman. Insieme a loro Craig Taborn, che si conferma uno dei pianisti più sorprendenti del jazz contemporaneo, impeccabile nell'integrare organici consolidati e fondamentale nel fornire spunti preziosi ai progetti di cui fa parte.

Il "trickster" del titolo si riferisce all'archetipo descritto da Lewis Hyde nel saggio "Trickster Makes the World," che ha ispirato Okazaki nella costruzione del disco: «Ogni comunità ha i suoi confini, il suo senso del fuori e del dentro, e il trickster è sempre lì alle porte della città o alle porte della vita, facendo in modo che ci sia continuo scambio. [...] Egli incorpora dunque l'ambiguità e l'ambivalenza, la doppiezza e la duplicità, la contraddizione e il paradosso».

Un'altra ispirazione è stata l'arte giapponese dell'origami, metafora di un lavoro compositivo che impiega regole rigorose e procedimenti intricati per arrivare ad un risultato di apparente semplicità.

Okazaki traduce questi concetti in musica, esplorando il rapporto tra leggibilità melodica e astrazione ritmica, libertà improvvisativa e senso della forma, costruendo un album che ha il raro pregio di essere allo stesso tempo concettualmente complesso e immediatamente coinvolgente.

"Kudzu," il brano che apre il disco, inizia con una breve frase di chitarra da cui si sviluppa il tema, una progressione all'unisono con il pianoforte che, attraverso continue accelerazioni, conduce agli assoli in sequenza di Okazaki e Taborn, sostenuti dal funk ossessivo di basso e batteria. Il successivo "Mischief Maker" è già totalmente diverso: Tidd e Rickman sembrano avanzare su binari paralleli, costruendo un complesso incastro poliritmico che Okazaki arricchisce con un accompagnamento dal sapore brasiliano, mentre Taborn espone un tema essenziale, fatto di singoli accenti che svelano le stratificazioni su cui è costruito il brano.

Il disco procede quindi su continue variazioni alle strutture di base, in cui il confine tra materiale tematico e improvvisazione è sempre labile, ambiguo. Lo stile disinvolto di Okazaki, particolarmente efficace in "Black Bolt" e "The Calendar," è perfettamente bilanciato dal pianismo di Taborn, altrettanto agile ma più misurato, concentrato sulle capacità percussive dello strumento, come nel quasi-reggae "Box in a Box," una continua invenzione melodico-ritmica travolgente. Lungo tutto il disco, Tidd e Rickman forniscono strutture cicliche irregolari che spostano continuamente gli accenti ritmici, mescolando le carte di una costruzione musicale spiazzante, in cui le aspettative vengono puntualmente disattese.

Il risultato è un affascinante gioco di prestigio in cui nulla è come sembra.

Un disco sorprendente, che unisce con naturalezza temi immediati a inusuali sviluppi armonici e ritmici, senza perdere mai di vista il groove.

Track Listing: Kudzu; Mischief Maker; Box in a Box; Eating Earth; Black Bolt; The West; The Calendar; Caduceus; Borderland.

Personnel: Miles Okazaki: guitar; Craig Taborn: piano; Anthony Tidd: bass; Sean Rickman: drums.

Title: Trickster | Year Released: 2017 | Record Label: Pi Recordings

Tags

Watch

comments powered by Disqus

General Articles
Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Live Reviews
Take Five With...
Album Reviews
Read more articles
Work: The Complete Compositions of Thelonious Monk

Work: The Complete...

Self Produced
2018

buy
Work (Complete, Volumes 1​-​6)

Work (Complete,...

Self Produced
2018

buy
Trickster

Trickster

Pi Recordings
2017

buy
Figurations

Figurations

Sunnyside Records
2012

buy
Generations

Generations

Sunnyside Records
2010

buy
Generations

Generations

Sunnyside Records
2009

buy

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Read Paint The Sky Album Reviews
Paint The Sky
By Andrew J. Sammut
February 21, 2019
Read God Is More Than Love Can Ever Be Album Reviews
God Is More Than Love Can Ever Be
By Karl Ackermann
February 21, 2019
Read Rhyme And Reason Album Reviews
Rhyme And Reason
By Mark Corroto
February 21, 2019
Read The Definition of Insanity Album Reviews
The Definition of Insanity
By Nicholas F. Mondello
February 21, 2019
Read Omhu Album Reviews
Omhu
By Jakob Baekgaard
February 21, 2019
Read In Between the Tumbling a Stillness Album Reviews
In Between the Tumbling a Stillness
By Karl Ackermann
February 20, 2019
Read Gary Album Reviews
Gary
By Dan McClenaghan
February 20, 2019