Support All About Jazz

All About Jazz needs your help and we have a deal. Pay $20 and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help
2

Jaimeo Brown: Transcendence

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count Views
Jaimeo Brown: Transcendence Al suo debutto discografico come leader Jaimeo Brown ha relizzato una delle opere più intense, originali e appassionanti del 2013. Un concept album che abbraccia il passato e il presente della cultura afro-americana, inglobando suggestioni geograficamente distanti (come quella indiana) in un percorso capace di coniugare feeling e controllo della forma.
Il trentaquattrenne batterista non è certo un esordiente e il suo curriculum è denso di collaborazioni importanti entro un ampio spettro stilistico. Negli ultimi quindici anni ha lavorato e/o inciso con Greg Tardy, Geri Allen, Tom Harrell, Kenny Garrett, Pharoah Sanders, Joe Locke ma anche con Carlos Santana e Stevie Wonder. Jaimeo Brown è poi leader di un circolo di musicisti newyorchesi volti a rivalutare il passato musicale afro-americano e le radici ancestrali alla luce della dimensione contemporanea.

Prendiamo quindi Transcendence come l'ultimo manifesto di una tendenza ciclicamente ricorrente nella cultura afro-americana. Il percorso è costruito inglobando sampler di un magistrale gruppo gospel dell'Alabama, i Gee's Bend Singers che fungono da base o riferimento in varie esecuzioni strumentali. Tra i musicisti coinvolti nel progetto citiamo il sassofonista JD Allen (che si esprime con un evocativo eloquio coltraniano), la pianista Geri Allen, il giovane chitarrista nero Chris Sholar (astro nascente -come cantante- del neo soul) qui in dimensione hendrixiana e la cantante indiana Falu (Falguni Shah) che riprende la tradizione vocale carnatica.

Molta carne al fuoco direte, ma la sintesi tra gli elementi è tanto incisiva quanto coerente, e trova una sua identità di percorso. A differenza di progetti simili viziati da logiche museali qui il percorso è sorprendente, palpitante di umori e non teme gli accostamenti estremi (proprio come ha sempre fatto l'anima più autentica del jazz). Le composizioni mostrano una netta forza evocativa, data dalla presenza di più voci (strumentali e vocali) che s'esprimono spesso in contemporanea su piani diversi, in un brulicante tessuto (call and response, free improvisation e quant'altro) che passa da situazioni liriche ("I Said") ad altre connotate da fortissima tensione espressiva ("You Can't Hide").

La descrizione potrebbe continuare ma è meglio lasciare a ognuno la libertà di scoprire questo disco splendido, che acquisisce fascino a ogni ascolto. Da ricercare assolutamente.


Track Listing: Mean World; Somebody's Knocking; Patience; You Can't Hide; Be Free; Power of God; I Know I've been Changed; I Said; Baby Meish; Accra; You Needn't Mind Me Dying; This World Ain't My Home.

Personnel: Jaimeo Brown: batteria; JD Allen: sax tenore; Chris Sholar: chitarra, elettronica; Gee's Bend Singers: coro; Geri Allen: pianoforte; Falu: voce; Dartanyan Brown: contrabbasso, produttore aggiunto; Marcia Miget: flauto; Marisha Brown: voce; Selah Brown: voce; Kelvin Sholar: tastiere, produttore aggiunto; Andrew Shantz: armonium.

Year Released: 2013 | Record Label: Motema Music | Style: Modern Jazz


Related Video

Shop For Jazz

CD/LP/Track Review
Read more articles
Work Songs
Work Songs
Motema Music
2016
buy
Transcendence
Transcendence
Motema Music
2014
buy
Transcendence
Transcendence
Motema Music
2013
buy

Jaimeo Brown Events

Date Event Time Tickets
Sep8Thu Katsuko Tanaka Trio
Fat Cat
New York, NY
7:00 PM

More Articles

Post a comment

comments powered by Disqus

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.