All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Joakim Milder, Fredrik Ljungkvist, Pär-Ola Landin, Christopher Cantillo: Trädet

Luca Casarotti By

Sign in to view read count
Chi fosse alla ricerca di un disco che rievoca l'estetica del free jazz degli albori senza suonare inattuale, può ascoltare questo Trädet. Il lavoro, allo stesso tempo di recupero e rinnovamento del linguaggio, è ben svolto da un quartetto collaborativo (cioè senza leader) al suo esordio discografico, ma composto da musicisti già affermati: il sassofonista Joakim Milder, il sassofonista e clarinettista Fredrik Ljungkvist, il bassista Pär-Ola Landin e il batterista Christopher Cantillo.



Nelle formazioni con due fiati e senza strumento armonico che eseguono musica in tutto o in parte improvvisata, l'interplay presenta principalmente un rischio: che si sobrappongano i ruoli degli strumenti della frontline. In quest'ottica, le soluzioni adottate da Milder e Ljungkvist sono in larga parte efficaci, , sia nelle scelte timbriche, sia nell'esecuzione dei temi, sia nelle improvvisazioni. Quanto all'aspetto timbrico, se Milder rimane per tutto il disco al sax tenore, Ljungkvist alterna tenore, soprano e clarinetto: il che contribuisce a variare il suono del quartetto di brano in brano. Quanto ai temi, gli unisoni sono sempre precisi e talvolta non privi di difficoltà tecniche ("Lupin," "Hon målar, "Things Are"), i contrappunti sono inventivi e mai scolastici (""Alt. Fiction," "Schism"). In qualche caso i fiati improvvisano l'uno dopo l'altro in modo più tipicamente solistico ("Alt. Fiction" e "Segall," dove si ascolta un trio di clarinetto, basso e batteria molto lirico e pieno di pathos). Nella maggior parte dei brani le improvvisazioni sono invece collettive, ma Milder e Ljungkvist agiscono quasi sempre in modo complementare, evitando di togliersi spazio a vicenda (ne è un'ottima prova il duetto di tenori che introduce "Things Are"). Solo al crescere delle dinamiche, gli scambi si fanno maggiormente caotici, e l'interazione dà l'impressione d'essere meno sorvegliata: è il caso di "Ivan's on the Phone."



Basso e batteria non hanno praticamente spazi solistici, fatta eccezione per un breve momento lasciato al contrabbasso in "Things Are": alla ritmica è assegnata piuttosto una funzione d'impulso all'improvvisazione, sia essa basata sullo swing ("Schism," "Ivan's on the Phone") o priva di pulsazione ("Man kan inte äga en hund"). Cantillo si affida di preferenza alle spazzole, di cui mostra grande padronanza: notevole anche la varietà timbrica delle percussioni che il batterista ingloba nel suo set.



Complessivamente, Trädet riesce a trovare un equilibrio tra gli stilemi del free prima maniera e un modo d'improvvisare meno idiomaticamente connotato. Ciò che lo rende un disco niente affatto passatista o nostalgico.

Track Listing: Alt. Fiction; Lupin; Schism; Köpenhamn; Hon målar; Ivan's on the Phone; Man kan inte äga en hund, pt. 1; Man kan inte äga en hund, pt. 2; Segall; Things Are

Personnel: Joakim Milder: sax; Fredrik Ljungkvist: reeds; Pär-Ola Landin: bass; Christopher Cantillo: drums

Title: Trädet | Year Released: 2018 | Record Label: El Dingo Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Inmoral
Inmoral
By Mike Jurkovic
Read Live In Berlin
Live In Berlin
By Don Phipps
Read Break Up With the Sound
Break Up With the Sound
By C. Michael Bailey
Read So Us
So Us
By Geno Thackara
Read Dialogue
Dialogue
By Don Phipps
Read Nikobo
Nikobo
By Ian Patterson