All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Marc Ducret: Tower-Bridge

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Marc Ducret: Tower-Bridge
Nell'arco del triennio 2011-2013 il repertorio del progetto di Marc Ducret denominato Tower ha visto come interpreti un quintetto franco-danese (Vol. 1), un quartetto franco-americano (Vol. 2), un sestetto francese (Vol. 3), e un solo di chitarra acustica ( Vol. 4). Il quinto capitolo di questa avventura riunisce in un ensemble di dodici elementi tutti i musicisti coinvolti nei precedenti quattro volumi, e si concretizza in un doppio CD registrato dal vivo durante la tournée del 2012, arricchito da un'interessante filmato scaricabile dalla rete.

Tower-Bridge regala poco meno di due ore di musica di un'intensità quasi dolorosa, di una ricchezza clamorosa, capace di stordire, sorprendere, emozionare, di attingere ad una miriade di fonti e dar vita ad un'opera profondamente unitaria. Ducret illustra dettagliatamente nelle note di copertina come nello scrivere e interpretare questa musica si sia ispirato ai lavori e alla tecnica narrativa di Vladimir Nabakov e abbia giostrato le tre formazioni riunite per l'occasione come i tre protagonisti di "Ada" e di altri racconti dello scrittore russo.

Prescindendo dalle pur interessanti informazioni tecniche sul processo creativo del leader risultano evidenti le strategie esecutive adottate, il gioco di scacchi che utilizza le diverse sezioni dell'ensemble per affrontare dalla miglior posizione possibile uno snodo narrativo, un cambio di prospettiva, per aprire impensabili varchi nella fitta rete di connessioni e di intrecci, per abbattersi con la violenza di un uragano o per circuire con leggerezza un'idea. I solisti sono eccellenti, Ducret graffia con qualche intervento di grande sapienza e incisività, ma Tower-Bridge è un lavoro orchestrale a tutti gli effetti, rigoroso e visionario allo stesso tempo, elettrizzante e a suo modo lirico, decisamente contemporaneo.

Track Listing


CD 1:
Sur l'Electricité; Real Thing #1; Real Thing #2.
CD 2:
Real Thing #3; Softly Her Tower Crumbled in the Sweet Silent Sun; L'ombra di Verdi.

Personnel

Kasper Tranberg: tromba; Dominique Pifarely: violino; Tim Berne: sax alto; Fidel Fourneyron: trombone; Matthias Mahler: trombone; Alexis Persigan: trombone; Fed Gastard: sax basso; Antonin Rayon: piano; Sylvain Lemetre: percussioni; Peter Bruun: batteria; Tom Rainey: batteria; Marc Ducret: chitarra elettrica.

Album information

Title: Tower-Bridge | Year Released: 2014 | Record Label: Ayler Records

Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.