All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Things We Like: Ottobre 2016

AAJ Staff By

Sign in to view read count
Finito il mese di ottobre, riprendiamo la vecchia rubrica "Things We Like," dove, un po' per passione e un po' per gioco, descriviamo le cose (musicali e non) che ci rimarranno impresse del mese appena trascorso.

Alberto Bazzurro

Ottobre, mese pre-referendario per eccellenza (non quel referendum...), si porta generalmente appresso una caterva di dischi, per il solito meccanismo secondo cui noi, votanti plenipotenziari, saremmo tutti affetti da più o meno precoce demenza senile, facendo di conseguenza una gran fatica a tenere a mente ciò che non è uscito nell'immediato (il che è fra l'altro falso al punto da diventare controproducente: ascoltare tutto di corsa fa perdere inevitabilmente per strada qualcosa e non aiuta certo la memorizzazione).

Forse qualcuno—nel gran calderone musici/etichette/uffici stampa—sta forse iniziando a capirlo, tant'è che quest'anno, almeno per chi scrive, gli arrivi sono stati più scaglionati. Grandi sfracelli non se ne sono peraltro registrati. A lavori (leggi ascolti) in corso, una bella scoperta (in mezzo a qualche conferma, ci mancherebbe) è la cantante franco-occitana (di Ariège) Leïla Martial, figlia d'arte (padre oboista, madre cantante lirica), collaboratrice in particolare di Vincent Peirani, che in Baabel (Laborie Jazz) evidenzia mischiamenti (di genere, ma anche fra le sue voci sovrapposte) piuttosto stimolanti.

Ottobre è anche mese di Premio Tenco (quest'anno dal 20 al 22) e quindi qualche rilievo anche da quella parte. Edizione dedicata a Tenco (a breve mezzo secolo dalla morte), ma anche ad altro. Otello Profazio, per esempio, a cui è andato l'annuale premio omonimo (Tenco, ohibò!), mentre Peppe Voltarelli, che gli aveva dedicato mesi fa un album monografico, si è portato a casa la targa per il miglior disco d'interprete. Si sono esibiti assieme, e Profazio anche in improvvisate chiacchierate con chiunque gli capitasse a tiro nei due giorni susseguenti la sua esibizione (il 20, ovviamente).

Il premio IMAIE destinato a un esordiente di talento, in tema di nuove voci (riferimento alla Martial, si capisce, non certo all'ottantenne Profazio), è andato invece a Gianluca Secco, sperimentare degno di grande attenzione (anche lui non avaro di sovraincisioni), mentre un altro bell'esordio è stato quello di Alfina Scorza, e già una conferma, invece, quella di Vanessa Tagliabue Yorke, entrambe nella conclusiva serata su Tenco, la prima in una coinvolgente (conturbante?) "Io sì," la seconda su una geniale rilettura—con inserto arabeggiante—di "Ho capito che ti amo," responsabile Mauro Ottolini, arrangiatore di tutti i pezzi (22) e direttore, in loco, dell'Orchestra Sinfonica di Sanremo.

Le contagiose schitarrate di Bombino e, per contro, le soffici cantilene voce e chitarra (ma quanto diversa) di Lula Pena sono le altre cose che ci porteremo dentro, su tutto, di questo Tenco 2016. E ora—parafrasando appena Guccini— "cali novembre e le inquietanti nebbie / gravi coprano gli orti."
Ciò trascorso, ci si rilegge.

Claudio Bonomi

L'infaticabile Svart Records, piccola etichetta finlandese con base a Turku, riporta alla luce una serie di splendidi e inediti concerti risalenti ai primi anni Settanta del Serious Music Ensemble, quintetto guidato dal pianista e compositore Heikki Sarmanto, al Fender Rhodes, e composto dal fratello Pekka Sarmanto al basso elettrico, Juhani Altonen al sax, craig Herndon alla batteria e Lance Gunderson alla chitarra elettrica.

In tutto si tratta di tre album, battezzati The Helsinki Tapes, che raccolgono le registrazioni del gruppo in un piccolo club di Helsinki, N-Club, tra il 1971 e il 1972. Nastri che sono rimasti in soffitta per decenni fino alla recente riscoperta ad opera proprio dei segugi dell'etichetta scandinava che li ha doverosamente tirati a lucido e rimasterizzati. Il sassofonista Aaltonen non è presente in nessuna delle tre session che vedono, invece, la partecipazione della cantante Maija Hapuoja e, nel terzo album della serie, del grande Eero Koivistoinen al sax.

I tre album raccolgono oltre a diverse composizioni dei primi due album del Serious Music Ensemble, Like a Fragonard e Counterbalance, anche molte tracce inedite. The Helsinki Tapes sono una testimonianza straordinaria di un jazz rock lirico e avventuroso allo stesso tempo. E, purtroppo, da sempre sottovalutato.

Luca Canini

Ottobre mese di ascolti ossessivi, di musiche che non se ne vogliono andare, di dischi che girano e rigirano all'infinito.

Tags

Listen

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Live Reviews
In Pictures
General Articles
Album Reviews
Live Reviews
General Articles
Album Reviews
Live Reviews
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Read more articles
 

Psychomagia

Challenge Jazz
2014

buy
 

The Hermetic Organ...

Challenge Jazz
2014

buy
 

Dreamachines

Challenge Jazz
2013

buy
 

The Mysteries

Challenge Jazz
2013

buy

Related Articles