All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Josh Berman & His Gang: There Now

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Josh Berman & His Gang: There Now
Cinque dei brani presenti in There Now portano direttamente ai Roaring Twenties, i ruggenti Anni Venti nei quali impazzavano le prime formazioni jazz e si affermavano personaggi come Eddie Condon, figura leggendaria che animava con i suoi gruppi le roventi notti di Chicago. Proprio da Chicago arriva la Gang di Josh Berman, cornettista, già membro della Exploding Star Orchestra di Rob Mazurek, e figura assai attiva nella Windy City sia come promotore culturale nell'ambito della musica improvvisata che leader di apprezzate formazioni quali Josh Berman's Old Idea e Chicago Luzern Exchange.

L'idea di Berman, certamente non nuova ma senz'altro affascinante, è quella di rivisitare alcuni standard del periodo Dixieland con lo spirito e l'approccio del musicista che ama Louis Armstrong e Ornette Coleman, Bix Beiderbecke e Art Ensemble Of Chicago, conosce il jazz tradizionale, è affascinato dal free e scorazza nella libera improvvisazione.

Il clarinetto basso di Jason Stein, rauco nella sua timbrica, imbizzarrito nel suo incidere, introduce piuttosto seccamente "Love Is Just Around the Corner". La linea melodica, presentata dall'unisono dei fiati, viene successivamente smontata e ricomposta attraverso arrangiamenti originali che a loro volta smontano e ricompongono l'organico in diverse combinazioni, limitando la sequenza di assoli più o meno liberi per privilegiare l'incastro delle parti, le collisioni timbriche, le impreviste aperture armoniche.

È questo l'approccio utilizzato da Berman nella maggior parte dei brani (fa eccezione "Sugar" più canonica nel suo sviluppo) ed è questa secondo noi l'arma vincente di There Now. Come ben esemplificato da "I've Found a New Baby" (brano reso memorabile da Benny Goodman con Charlie Cristian alla chitarra) trasferita nel corso dell'esecuzione in una dimensione onirica, quasi surreale, grazie ad un ampio uso di spazio e silenzio, nel quale i musicisti appuntano pensieri, tracciano sviluppi interpretativi, sperimentano relazioni pericolose.

Tra i brani a firma del leader da segnalare "One Train May Hide Another," ballad illuminata da uno splendido Jason Adasiewicz al vibrafono, e il conclusivo "Mobile and Blues," tema inizialmente ballabile che si accende in improvvisazione collettiva caotica e selvaggia, ponte ideale tra le fanfare d'inizio secolo scorso e le formazioni del nuovo millennio create da musicisti dalla mente aperta e dallo sguardo rivolto verso il futuro.

Track Listing

Love Is Just Around the Corner; Sugar; One Train May Hide Another; Cloudy; Jada; Liza; I've Found a New Baby; Mobile and Blues.

Personnel

Josh Berman: cornet; Jeb Bishop: trombone; Guillermo Gregorio: clarinet; Jason Stein: bass clarinet; Keefe Jackson: tenor saxophone; Jason Adasiewicz: vibraphone; Joshua Abrams: bass; Frank Rosaly: drums.

Album information

Title: There Now | Year Released: 2012 | Record Label: Delmark Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.