All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

2

Django Bates: The Study of Touch

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Django Bates: The Study of Touch
Folletto imprevedibile e difficilmente etichettabile della scena creativa britannica -salta con disinvoltura da lavori orchestrali al piano solo, da composizioni per il teatro e per il cinema a commissioni di musica sinfonica, da collaborazioni con Tim Berne e Bill Bruford a quelle con George Russell e George Gruntz -Django Bates è stato elemento propulsivo fondamentale nella cosiddetta British Jazz Renaissance di fine anni ottanta inizio anni novanta.

Se le pubblicazioni da leader sono state decisamente irregolari con salti temporali anche decennali, il 2017 si rivela anomalo: sideman di lusso a fianco di Dave Holland e Jack DeJohnette in Blue Maqams di Anouar Brahem, due uscite a proprio nome a distanza di un mese l'una dall'altra -Saluting Sgt. Pepper per Edition e The Study of Touch per ECM. Quest'ultima incisione affrontatata con il classico piano trio, formazione per molto tempo evitata da Bates perchè considerata troppo inflazionata. Il risultato? Di tutto rispetto.

Splendido l'inizio. Poco più di due minuti misteriosi, giocati prevalentemente sui registri gravi, dai contorni sfumati ma pronti a toccare le corde più profonde. Poi l'album si dipana, in maniera piuttosto inaspettata dato l'incipit, su coordinate di eleganza, leggerezza e profondità di stampo evansiano. Spesso contemplativo, a tratti quasi capriccioso nell'incedere delle frasi, sempre comunque luminoso, Bates sembra privilegiare il libero fluire dei pensieri circuendo suggestioni piuttosto che rispettando forme, che si manifestano in modo del tutto naturale.

Unica concessione agli standard è «Passport» di Charlie Parker -ma il Beloved Trio nasce nel 2010 proprio per celebrare la musica di Bird -un gioiello ricco di brio, di invenzioni e di una insolita vena melodica che caratterizza l'intero album. Splendida infine la chiusura, un minuto di note appena accennate, di schegge che lasciano intuire più che intravedere e aprono molteplici porte sul mondo dell'immaginazione.

Track Listing

Sadness All the Way Down; Giorgiantics; Little Petherick; Senza Bitterness; We Are Not Lost, We Are Simply Finding Our Way; This World; The Study of Touch; Passport; Slippage Street; Peonies as Promised; Happiness All the Way Up.

Personnel

Django Bates: piano; Petter Eldh: double bass; Peter Bruun: drums.

Album information

Title: The Study of Touch | Year Released: 2017 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Tongue In A Bell
Tongue In A Bell
Peter Brötzmann / Paul G. Smyth
Read Some More Jazz
Some More Jazz
Keys and Screws
Read Tbilisi
Tbilisi
Max Gerl

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.