All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

2

Django Bates: The Study of Touch

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Folletto imprevedibile e difficilmente etichettabile della scena creativa britannica -salta con disinvoltura da lavori orchestrali al piano solo, da composizioni per il teatro e per il cinema a commissioni di musica sinfonica, da collaborazioni con Tim Berne e Bill Bruford a quelle con George Russell e George Gruntz -Django Bates è stato elemento propulsivo fondamentale nella cosiddetta British Jazz Renaissance di fine anni ottanta inizio anni novanta.

Se le pubblicazioni da leader sono state decisamente irregolari con salti temporali anche decennali, il 2017 si rivela anomalo: sideman di lusso a fianco di Dave Holland e Jack DeJohnette in Blue Maqams di Anouar Brahem, due uscite a proprio nome a distanza di un mese l'una dall'altra -Saluting Sgt. Pepper per Edition e The Study of Touch per ECM. Quest'ultima incisione affrontatata con il classico piano trio, formazione per molto tempo evitata da Bates perchè considerata troppo inflazionata. Il risultato? Di tutto rispetto.

Splendido l'inizio. Poco più di due minuti misteriosi, giocati prevalentemente sui registri gravi, dai contorni sfumati ma pronti a toccare le corde più profonde. Poi l'album si dipana, in maniera piuttosto inaspettata dato l'incipit, su coordinate di eleganza, leggerezza e profondità di stampo evansiano. Spesso contemplativo, a tratti quasi capriccioso nell'incedere delle frasi, sempre comunque luminoso, Bates sembra privilegiare il libero fluire dei pensieri circuendo suggestioni piuttosto che rispettando forme, che si manifestano in modo del tutto naturale.

Unica concessione agli standard è «Passport» di Charlie Parker -ma il Beloved Trio nasce nel 2010 proprio per celebrare la musica di Bird -un gioiello ricco di brio, di invenzioni e di una insolita vena melodica che caratterizza l'intero album. Splendida infine la chiusura, un minuto di note appena accennate, di schegge che lasciano intuire più che intravedere e aprono molteplici porte sul mondo dell'immaginazione.

Track Listing: Sadness All the Way Down; Giorgiantics; Little Petherick; Senza Bitterness; We Are Not Lost, We Are Simply Finding Our Way; This World; The Study of Touch; Passport; Slippage Street; Peonies as Promised; Happiness All the Way Up.

Personnel: Django Bates: piano; Petter Eldh: double bass; Peter Bruun: drums.

Title: The Study of Touch | Year Released: 2017 | Record Label: ECM Records

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Subtle Disguise CD/LP/Track Review
Subtle Disguise
by Dan Bilawsky
Published: October 18, 2018
Read Introverted Cultures CD/LP/Track Review
Introverted Cultures
by Karl Ackermann
Published: October 18, 2018
Read Flyway CD/LP/Track Review
Flyway
by Geannine Reid
Published: October 18, 2018
Read Crime Zone CD/LP/Track Review
Crime Zone
by Chris Mosey
Published: October 18, 2018
Read Begin the Agora CD/LP/Track Review
Begin the Agora
by Jack Bowers
Published: October 17, 2018
Read Time Like This CD/LP/Track Review
Time Like This
by Glenn Astarita
Published: October 17, 2018
Read "Non é Prohibito" CD/LP/Track Review Non é Prohibito
by Ian Patterson
Published: March 13, 2018
Read "Mandala" CD/LP/Track Review Mandala
by Samuel Stroup
Published: December 20, 2017
Read "Origins" CD/LP/Track Review Origins
by Mark Sullivan
Published: August 11, 2018
Read "Sorrows & Triumphs" CD/LP/Track Review Sorrows & Triumphs
by Jerome Wilson
Published: May 25, 2018
Read "Philip Glass – Piano Works" CD/LP/Track Review Philip Glass – Piano Works
by C. Michael Bailey
Published: January 5, 2018
Read "At synge verden ind i en ny og mangefoldet tid" CD/LP/Track Review At synge verden ind i en ny og mangefoldet tid
by Jakob Baekgaard
Published: May 13, 2018