All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Jason Stein: The Story This Time

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
"Background Music" ci elettrizza con il suo fast-tempo bruciante e con i percorsi zigzaganti di clarinetto basso e sax tenore. Sono nipotini di Lee Konitz e Warne Marsh, questi audaci Jason Stein e Keefe Jackson: ne trasformano le sonorità ma ne conservano l'aplomb intellettuale e il distacco da terra. Un po' tutto l'album, che alterna composizioni di Stein a perle di Monk, Marsh e Tristano, mantiene questa andatura "cool," innervata da iniezioni di libera improvvisazione radicale, con una lucidità strutturale ed esecutiva impressionante.

È musica che ci interroga sullo stato del jazz contemporaneo, sulla sua distanza dall'innovazione ad ogni costo. Non abbiamo bisogno di nulla di nuovo se la riflessione sul passato è condotta con questa integrità e questa fantasia rielaborativa. Niente di nostalgico qui, né bella confezione. Anzi, un sound ruvido, terragno, lontano assai dalla scolasticità di molti epigoni. D'altronde il quartetto è immerso nella filosofia urbana di Chicago, luogo che da sempre intrattiene un dialogo aperto tra storia e attualità.

Stein è clarinettista con trascorsi da chitarrista rock, ma non si sente. Lo abbiamo apprezzato nel "Bridge 61" a fianco di Vandermark, ma qui vola più alto e si afferma tra le migliori "voci" in circolazione; Abrams e Rosaly sono presenti in numerose band chicagoane di vaglia; Jackson è meno conosciuto, ma il suo suono arcaico al tenore, ma anche leggero come brezza, è una sorpresa.

I due fiati scelgono di esporre narrazioni scure, quasi sempre in simultanea. Dunque il contrappunto domina -e ricorda, come detto, la scuola "cool" -ma la costruzione dei pezzi è ricca di episodi interni divaganti, molto speziati. C'è l'assolo rilassato e swingante, subito contraddetto da sequenze irsute, fosche; c'è la scansione frizzante, che si frantuma in decelerazioni e ricostruzioni. Ma soprattutto una coesione d'insieme che non tradisce esitazioni. Abrams è roccioso nel suo walk di basso e in alcune esternazioni con l'archetto, Rosaly suona a volte come i batteristi degli anni 30, altre con una grinta secca.

Tra le diverse tracce, oltre a quella di apertura, spiccano "Little Big Horse," la complessa e sfaccettata "Hoke's Dream," una "Gallop's Gallop" in cui Jacskon ruggisce al clarinetto contrabbasso. E la chiusa con il fresco Tristano di "Lennie Bird."

Ottimo.

Track Listing: Background Music; Laced Case; Little Big Horse; Skippy; Badlands; Palo Alto; Hatoolie; Gallop's Gallop; Hoke's Dream; Work; Lennie Bird.

Personnel: Jason Stein: bass clarinet; Keefe Jackson: tenor sax, contrabass clarinet; Joshua Abrams: bass; Frank Rosaly: drums.

Title: The Story This Time | Year Released: 2011 | Record Label: Delmark Records

About Jason Stein
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Dan Bilawsky
Read Blues For Charlie
Blues For Charlie
By Jim Worsley
Read Cobb's Pocket
Cobb's Pocket
By Nicholas F. Mondello
Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson