All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Ben Wendel: The Seasons

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
L'evoluzione del progetto The Seasons di Ben Wendel trova organica espressione in un nuovo collettivo. La prima realizzazione è avvenuta nel 2015, con dodici duo-performance (pubblicate su YouTube) effettuate con altrettanti partner: Joshua Redman, Aaron Parks, Ambrose Akinmusire, Julian Lage ecc... Le composizioni sono state arrangiate l'anno successivo per dei concerti in quintetto alla Jazz Gallery di New York e due di esse (rinominate ”Spring” e ”Fall”) erano incluse nel penultimo album del sassofonista, What We Bring (Motéma 2016). Nel marzo 2018 Wendel ha costituito un nuovo quintetto, eseguendo tutte le dodici parti di ”Seasons” in alcune serate al Village Vanguard e realizzando l'attuale incisione, effettuata ai Bunker Studios di Brooklyn.

Il progetto nasce ispirandosi all'opera di Tchaikovsky The Seasons op. 37 (12 movimenti legati ai dodici mesi dell'anno) che l'autore scrisse nel 1875 ma l'interpretazione è libera e, soprattutto nelle versioni in quintetto, l'estetica è prettamente jazzistica. Rispetto al citato disco del 2016, il gruppo di Wendel è nuovo ma il sassofonista continua a circondarsi dei migliori jazzmen attivi a New York: suoi coetanei come il batterista Eric Harland o di qualche anno più giovani come il pianista Aaron Parks, il chitarrista Gilad Hekselman e il bassista Matt Brewer.

Come nei precedenti tre dischi da leader il clima è meno trasgressivo e tecnologico rispetto alle incisioni con il gruppo Kneebody, di cui il sassofonista è co-fondatore. Il drumming esplosivo, in costante interazione di Harland e la veemenza della chitarra elettrica, creano maggior vicinanza con quel gruppo rispetto a quando ascoltato in What We Bring. Ogni mese dell'anno è rappresentato da un brano che, pur rispettando le idee tematiche di base espresse nei duo, è ora molto diverso. Lo stile è un vibrante post-bop capace di alternare momenti di forte concitazione ad altri ricercati. Un eccentrico sviluppo dell'Electric Bebop Band di Paul Motian dove s'innestano free, fusion, sprazzi monkiani (”September”) e molta contemporaneità.

Wendel suona principalmente il sax tenore (in qualche brano anche il fagotto) e i suoi accesi interventi sul registro alto contribuiscono alla tensione di brani come ”February”, ”April” e ”May”. Ma lo "scorrere dei mesi" è prevalentemente leggero e danzante, con ampio uso di ostinati. Tra i più ispirati ricordiamo ”March” (un luminoso assolo di Parks), il jarrettiano ”November” e l'evocativo e tumultuoso ”December”, dov'è evidente l'ispirazione a Motian.

CD della settimana.

Track Listing: January; February; March; April; May; June; July; August; September; October; November; December.

Personnel: Aaron Parks: piano; Gilad Hekselman: guitar; Matt Brewer: bass; Eric Harland: drums; Ben Wendel: saxophone.

Title: The Seasons | Year Released: 2018 | Record Label: Motéma Music

About Ben Wendel
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read 4
4
By Karl Ackermann
Read And I Love Her
And I Love Her
By John Kelman
Read A New Kind Of Water
A New Kind Of Water
By Jerome Wilson
Read No Place to Fall
No Place to Fall
By Mark Corroto
Read Cooper's Park
Cooper's Park
By Mike Jurkovic
Read Katarsis4
Katarsis4
By Vitalijus Gailius
Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan