All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

John Clark: The Odd Couple Quintet +1

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
John Clark ha acquisito notorietà negli anni settanta, quando fu tra i principali strumentisti dell'orchestra di Gil Evans. Si sa che l'arrangiatore canadese aveva un debole per il corno francese e non se ne privò al varo della big-band "elettrica."
Con John Clark lo strumento è uscito dal ruolo di strumento occasionale che aveva avuto nel jazz per entrare in front line al pari degli altri solisti. Ricordiamo il suo intervento nei massimi ensemble del jazz contemporaneo: quelli guidati da Carla Bley, George Russell, McCoy Tyner, Julius Hemphill, Gerry Mulligan, Joe Lovano ed ancora la Mingus Big Band e la Vanguard Jazz Orchestra.

In questo sesto disco da leader lo ascoltiamo relazionarsi col fagotto di Michael Rabinowitz, solista di uno strumento ancor più raro nel mondo del jazz. Li accompagnano due vecchi partner della Gil Evans Orchestra e di altre formazioni (il bassista Mark Egan e il tastierista Pete Levin) più il chitarrista Freddie Bryant e il batterista Abe Foglie. La band si chiama The Odd Couple Quintet + 1 e la "strana coppia" del titolo è ovviamente quella di Clark e Rabinowitz.
Il percorso musicale è eccentrico. Il primo e l'ultimo brano sono rispettivamente un omaggio all'originale "strana coppia," quella formata da Jack Lemmon e Walter Matthau nell'omonimo film, mentre un serrato episodio scritto dal cornista ci riporta alla fusion degli anni settanta.

La parte centrale del disco fonde invece jazz, musica classica ed altro nella riscrittura di John Clark del "Concerto per corno n. 3 in mi bemolle maggiore K 447" e del "Concerto n. 4 per corno e orchestra K 495."
Il risultato è accattivante e fantasiosamente spericolato nelle scelte espressive. Le composizioni di Mozart vengono riprese nei tratti melodici essenziali, ma sono riformulate nella struttura ritmica e armonica, con l'aggiunta di pregevoli interventi solistici. In primo piano ci sono ovviamente Clark e Rabinowitz che si confermano improvvisatori fantasiosi e si relazionano con interventi cantabili e ricchi di sfumature.
Tutto scorre con molto buon gusto e un pizzico d'ironia, mentre leggerezze timbriche West Coast formano un piacevole connubio con le morbide linee danzanti del basso elettrico e con gli altri strumenti. Particolarmente apprezzabili sono la maggior libertà espressiva del movimento "MK447JC3" e la fantasiosa rielaborazione della composizione successiva, che spazia tra sapori caraibici, il riflessivo andamento della parte centrale e citazioni cameristiche.

Track Listing: The Odd Couple Theme; MK447JC1; MK447JC2; MK447JC3; MK495JC1; MK495JC2; MK495JC3; Corporations Are Not People.

Personnel: John Clark: composizione, corno francese; Michael Rabinowitz: fagotto; Freddie Bryant: chitarra; Pete Levin: tastiere; Mark Egan: basso elettrico; Abe Fogle: batteria.

Title: The Odd Couple Quintet +1 | Year Released: 2016 | Record Label: Composers Concordance Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
Sonus Inenarrabilis

Sonus Inenarrabilis

Mulatta Records
2017

buy
The Odd Couple Quintet +1

The Odd Couple...

Composers Concordance Records
2016

buy
The Odd Couple Quintet +1

The Odd Couple...

Composers Concordance Records
2015

buy
 

I Will

Postcards
2000

buy
 

I Will

Postcards
1997

buy

Related Articles

Read Confluence Album Reviews
Confluence
By Dan McClenaghan
July 16, 2019
Read Movimenti Album Reviews
Movimenti
By Geno Thackara
July 16, 2019
Read A New Home Album Reviews
A New Home
By Mark Corroto
July 16, 2019
Read Autocannibalism Album Reviews
Autocannibalism
By John Eyles
July 16, 2019
Read Blume Album Reviews
Blume
By Chris May
July 15, 2019
Read About The Moment Album Reviews
About The Moment
By Geno Thackara
July 15, 2019
Read Källtorp Sessions, Volume One Album Reviews
Källtorp Sessions, Volume One
By Mark Corroto
July 15, 2019